"Non accendete il riscaldamento, fa ancora caldo": l'appello del sindaco Sala ai milanesi

Il sindaco: "L’inquinamento è fatto di molti fattori, anche delle cose che toccano tutti"

Tecnicamente a Milano si possono già accendere i riscaldamenti. Ma se per il calendario segna metà ottobre le temperature non sono ancora così rigide e il primo cittadino Beppe Sala ha lanciato un appello ai milanesi: "mettersi una mano sulla coscienza" e rimandare l'accensione dei termosifoni.

"Se ci dichiariamo ambientalisti, dobbiamo farlo nei fatti e non solamente con una bandierina verde da appenderci alle spalle", ha dichiarato il sindaco martedì 15 ottobre, interpellato dai giornalisti a margine di un'inaugurazione del condominio di viale Murillo 10, riqualificato energeticamente grazie anche agli incentivi del bando BE2, in merito alle politiche nazionali in materia di sgravi e incentivi fiscali per le ristrutturazioni degli immobili.

"L’inquinamento è fatto di molti fattori, anche delle cose che toccano tutti i cittadini — ha aggiunto il sindaco —. Al momento il settore più scoperto mi pare quello degli interventi sull’edilizia, perché oggettivamente uno sgravio fiscale, pur del 60%, in 10 anni, non lo si vede. Probabilmente è il momento di mettere fondi perché chi vuole intervenire in maniera immediata, possa farlo". 

Secondo il sindaco il pgt approvato del governo del territorio approvato dal consiglio comunale è un aiuto ai milanesi: "Il Piano di Governo del Territorio di Milano approvato ieri è ambizioso perché cerca fare un’operazione difficile: consumare meno suolo e al contempo garantire che ci siano più residenze a basso costo in affitto. Però tutto ciò funziona se poi c’è anche la collaborazione delle imprese. Quello di oggi è un esempio perché i condomini hanno messo meno del 30% dell’investimento di riqualificazione, il resto in parte è stato finanziato da noi e in parte dalle aziende che lo ha realizzato con il risultato finale che i condomini troveranno un 74% di riduzione dei consumi. Mi pare un risultato straordinario. Tante case e tanti palazzi sono in classe energetiche non adeguate. L’esempio di oggi è importante: fosse casa mia, lo farei domani mattina".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Amministratori di condominio d'accordo con Sala: "Fino a quando si può teniamoli spenti"

"Credo che l’invito del sindaco Beppe Sala sia condivisibile. Se potete tenete i riscaldamenti spenti ancora per un po’. Si fa del bene al portafoglio, ma anche all’ambiente. Anche perché la nostra città, soprattutto in autunno e inverno, presenta alti tassi di inquinamento". A parlare è Leonardo Caruso, presidente milanese dell’Associazione Nazionale degli amministratori di condominio, Anaci, che raggruppa circa 1.400 professionisti a Milano e Provincia. "In questi giorni più che il freddo è l’umidità a dare fastidio – continua Leonardo Caruso -. Bisogna tenere conto delle esigenze di tutti, anche delle persone anziane, che magari soffrono di più per gli sbalzi delle temperature. Ma chi a casa ha il riscaldamento autonomo, e quindi paga di tasca sua, sicuramente oggi non l’ha acceso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Incidente a Carpiano, scontro tra due auto piene di bambini: bimba di 7 mesi grave

  • Milano, ancora spari in via Creta: ragazzo di 32 anni gambizzato durante la notte, le indagini

  • Fanno esplodere la banca e scappano verso un campo rom: il bottino era di 60mila euro

  • Lo spettacolo della cometa Neowise, visibile a occhio nudo sopra Milano

  • Bollettino contagi coronavirus: a Milano trovate sei persone positive, 16 nella città metropolitana

Torna su
MilanoToday è in caricamento