"Sono razzista e salviniana", nega l'affitto a una ragazza foggiana: si scusa dopo le polemiche

La donna aveva negato l'affitto della sua abitazione a Malvaglio a Deborah, ragazza di Foggia

Deborah Prencipe (foto da Facebook)

Ha fatto dietrofront e si è rimangiata tutte le sue affermazioni Patrizia, la signora di Malvaglio (frazione di Robecchetto con Induno), che "non affitta ai meridionali" perché lei è "razzista" e "salviniana". La donna, interpellata dalla trasmissione "La Zanzara" su Radio24 ha detto "Non sono di Salvini, non sono di nessuno, mi ha fatto talmente sbroccare che non so neanche io perché mi è partito di dirle così. Ho anche parenti meridionali, non so come mi è uscito, il cervello mi è partito".

La donna, incalzata da Giuseppe Cruciani, ha accusato la ragazza di aver pubblicato solo una parte degli audio. Non solo, ha dichiarato di averle chiesto scusa per poi dire di essere disposta a ripensarci e ad affittarle l'appartamento "Ma lei non mi ha più risposto - ha concluso - Le ho perfino chiesto di incontrarci, sono disposta a chiedere scusa".

"Per me rom, neri, meridionali, sono tutti uguali": la vicenda

Il caso è stato reso noto attraverso un post su Facebook nel pomeriggio di giovedì 12 settembre da Laura, compagna di Deborah Prencipe: una ragazza originaria di Foggia che stava cercando casa proprio nel comune nella provincia Nord-Ovest di Milano.

"Succede questo - aveva scritto Laura in un post pubblico su Fb - La mia compagna decide di trasferirsi nel mio paese in provincia di Milano. Cerca una casa in affitto, la trova e se ne innamora. Si mette d’accordo con la proprietaria di casa, una ragazza, per far partire il contratto ad ottobre. Quindici giorni prima dell’inizio del contratto la ragazza le manda un messaggio dicendole che l’inizio del contratto slitta di un mese trovando scuse poco credibili. In un secondo momento la mia compagna riceve un altro messaggio da parte della ragazza che le dice che la casa in affitto non può più dargliela perché preferisce venderla. La mia compagna le risponde dicendole che non trova corretto cambiare le carte in tavola all’ultimo minuto e che i patti erano altri. In tutto ciò interviene la madre della ragazza che contatta la mia compagna. Il motivo per cui non viene data la casa in affitto alla mia compagna è perché la mia compagna è nata a Foggia. Cosa, direte voi. Esattamente. È nata a Foggia e la signora Patrizia di Malvaglio ritiene che in casa sua i meridionali non devono entrare".

Laura, sempre nel post su Facebook aveva pubblicato il messaggio audio in cui la donna, in modo chiaro, le aveva detto:


"Per me rom, neri, meridionali, sono tutti uguali. Guardi io sono proprio una razzista al cento per cento… se vuole comprarsi la casa se la compra, quello che conta è ciò che c’è scritto sulla carta d’identità e io da lombarda e di Salvini la penso così… Io sono razzista e per me mi va benissimo e quello che pensa lei a me non me ne frega un cazzo".

La giovane foggiana ha fatto sapere che si riserverà nelle prossime ore la decisione di sporgere denuncia contro la milanese. Qualora sia stata versata una caparra, secondo la legge, se vi è stata una inadempienza, l’altra parte può recedere dal contratto esigendo il doppio della caparra oppure può chiedere il risarcimento del danno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, turista sequestrata e violentata dentro un McDonald's: le fratturano anche il naso

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • La procura sequestra il Villaggio di Natale a Milano: a rischio l'apertura del mega parco

  • La metro è sempre più grande, ecco i soldi per prolungare la M5: 11 nuove stazioni sulla lilla

  • La Dea bendata bacia il Milanese: vincita record con il concorso di sabato del Lotto

  • Incidente a Milano, perde il controllo dell'auto: finisce nel ristorante, paura in piazzale Martini

Torna su
MilanoToday è in caricamento