La nonna milanese e il commento disumano al bambino trovato morto: "Era solo sarcasmo"

E' una donna milanese, titolare di una pizzeria, l'autrice di un commento feroce. Contattata telefonicamente, ammette candidamente quanto fosse "solo sarcasmo"

Air France ha confermato, nelle scorse ore, la morte di un giovanissimo migrante - secondo quanto è trapelato aveva 10 anni - trovato senza vita nell'alloggio di un carrello di un aereo in arrivo dall'Africa. 

Il velivolo, partito da Abidjan (Costa d'Avorio), era appena atterrato a Parigi. Una morte indicibile per assideramento. Purtroppo non il primo caso negli ultimi tempi. Un fatto inumano, gravissimo. Che consiglierebbe quanto meno il silenzio. 

Ma una donna milanese, titolare di una pizzeria da asporto, ha preferito fare del sarcasmo macabro sul ritrovamento del corpicino con un post su Fb come commento alla notizia: "Ha pensato di farsi rimborsare il biglietto?".

La frase è diventata tristemente trend topic ed è stata ripresa sia dal giornalista Lorenzo Tosa che dalla parlamentare europea di Italia Viva Anna Rita Leonardi, i quali hanno segnalato a quale grado di bassezza possa arrivare la barbarie in queste situazioni. La donna, autrice del commento, sul proprio profilo mostra fieramente un bambino, forse il nipotino. Rendendo ancora più stridente e assurdo il tutto. 

Next Quotidiano l'ha raggiunta e intervistata. La signora, che invero usa poco Facebook, non ha "alcun problema a dire che quel commento è suo". La donna spiega alla testata "che la sua voleva essere «solo una battuta sarcastica per innescare una riflessione sui veri responsabili della morte del bambino», vale a dire coloro che non hanno sorvegliato in aeroporto e quelli che hanno “detto” al bambino di andarsi a nascondere lì".

"Anche se ammette che «di bambini ne muoiono tanti» e che certi migranti «sono pilotati»", riporta il giornale. Poi, da mamma e da nonna, ribadisce, "le piange il cuore ogni volta che sente notizie del genere. Ma al tempo stesso è convinta che in un paese, che sia l’Italia o la Francia, «si entra solo dopo aver chiesto permesso» e che «non siamo responsabili se qualcuno muore venendo in barca. Siamo responsabili nel senso che non diciamo ai migranti che è pericoloso» affrontare il viaggio".

La pizzeria massacrata nelle recensioni: "Voleva essere una provocazione"

La pizzeria della donna è stata in queste ore massacrata di recensioni negative. E' la stessa titolare a scusarsi nelle scorse ore, con un commento a chi la critica per un'uscita sui social infelicissima: "Chiedo scusa a tutti voi mi sono espressa in modo incomprensibile. Il mio voleva essere una provocazione per ciò che c'è di fondamentale nel nostro sistema di vita, ma non ho avuto il tempo materiale di commentare (edit, forse intende "spiegare", ndr) il post da me messo in rete". 

Articolo aggiornato ore 10.06 10 gennaio 2020: commento della donna alle recensioni

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Incidente a Trezzano, auto passa col rosso e si schianta con 2 macchine: 12enne gravissimo

  • Milano, incidente in via Trevi: Smart si ribalta e piomba dentro al negozio di kebab, un morto

  • Sete dopo la pizza? Ecco perchè ti viene

  • Gabriele e Risqi, morti nel tragico schianto in autostrada: la loro auto è finita sotto un tir

  • Mezzi, a Milano si attende in media 9 minuti ogni giorno; e ce ne vogliono 43 per arrivare a destinazione

Torna su
MilanoToday è in caricamento