Milano, accampati davanti all'Ikea per tutta la notte: in coda per il design di culto Virgil Abloh

Un'esclusiva linea di orologi, specchi, tappeti e altri elementi d'arredo in anteprima

Repertorio

Ore e ore di coda notturna davanti all'ingresso di Ikea. A Carugate, nel Milanese, c'erano ragazzi con la tenda canadese. Tutti per riuscire a portarsi a casa un pezzo della collezione Markerad, cioè 15 pezzi firmati dal design di culto Virgil Abloh per la catena svedese.

Si tratta di un'esclusiva linea di orologi, specchi, tappeti e altri elementi d'arredo offerti in anteprima in alcune città, poi la vendita ricomincerà online dal 11 novembre alle 11:11.

Chi è Virgil Abloh e perché le code davanti all'Ikea?

Inevitabile che si creassero file per aggiudicarsi uno dei pezzi pensati per i millennials dal creativo che ha lanciato il marchio Off-White, che ha appena riconquistato il primo posto come brand più desiderato del pianeta per la seconda volta negli ultimi quattro Lyst Index.

Abloh si è recentemente preso un periodo da aspettativa dal mondo della moda, spezzato da questa collaborazione: "L'ethos della collezione - dice il trentenne - è quello di aggiungere una qualità artistica a oggetti anonimi e quotidiani". Ecco ad esempio la borsa di carta rinforzata intesa come opera d'arte o l'immagine retroilluminata della Monna Lisa, ma anche il tappeto-scontrino.

La coda davanti all'Ikea di Carugate: foto

coda ikea-2-2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Tragedia a Bareggio, trovato morto l'anziano che si era perso in campagna dopo l'incidente

  • Incidente a Trezzano, auto passa col rosso e si schianta con 2 macchine: 12enne gravissimo

  • Sete dopo la pizza? Ecco perchè ti viene

  • Gabriele e Risqi, morti nel tragico schianto in autostrada: la loro auto è finita sotto un tir

  • Mezzi, a Milano si attende in media 9 minuti ogni giorno; e ce ne vogliono 43 per arrivare a destinazione

Torna su
MilanoToday è in caricamento