Cannabis terapeutica coltivata nei parchi in città: a Milano si lavora alla "rivoluzione"

Mercoledì si è insediato il tavolo di lavoro. De Chirico: "Rompere il monopolio". I dettagli

L'obiettivo, chiaro e semplice, è uno solo: permettere le coltivazioni direttamente in città. I motivi sono due, altrettanto chiari: evitare le importazioni dagli altri Paesi e, soprattutto, evitare di alimentare il giro della criminalità organizzata. 

Milano è pronta lanciare la sua personalissima rivoluzione e sta studiando un modo per permettere all'amministrazione comunale di coltivare in città - la proposta è di farlo nei grandi parchi - la cannabis terapeutica. 

A lanciare l'idea, a settembre scorso, è stato Alessandro De Chirico, capogruppo di Forza Italia a palazzo Marino. Mercoledì, poco più di un mese dopo, è stato fatto il primo passo, con l'insediamento del tavolo di lavoro a cui partecipano l'assessore Lipparini, lo stesso De Chirico e altri esperti - tra docenti e medici - dell'universi di Milano. Sarà analizzata - ha spiegato il forzista - "l'opportunità di individuare nel territorio cittadino alcune aree pubbliche per la coltivazione di cannabis a scopo terapeutico".

 "La cannabis terapeutica è necessaria per tanti malati che chiedono questo tipo di medicinali per le più svariate patologie - ha sottolineato De Chirico -. Si stima che il fabbisogno nazionale sia di due tonnellate per più di 20mila utilizzatori. Lo stabilimento militare di Firenze ne produce 100 kg, altri 700 kg vengono importati e pagati a peso d’oro da Germania e Canada e il resto alimenta lo spaccio gestito dalla criminalità organizzata".

Il consigliere, però, vorrebbe che la situazione fosse diversa a Milano, dove - grazie a una delibera della regione Lombardia - la cannabis terapeutica è già gratuita e rimborsata dal sistema sanitario nazionale. "Ora manca un ultimo importante tassello: rompere il monopolio di Stato della produzione di medicinali contenenti Cbd e Thc. Ci vuole la volontà politica dell’attuale Governo - ha evidenziato De Chirico - di portare avanti il lavoro svolto dal ministero della Salute dal 2010. È necessaria la collaborazione degli enti pubblici, delle università e degli istituti di ricerca". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La strada è lunga, ma sembra meno tortuosa del previsto. C’è molto da fare - ha concluso il capogruppo di Fi - e le sfide non ci spaventano". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Coronavirus, l'allarme dei medici di Milano: "Prepararsi a stagione influenzale o sarà crisi"

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

  • Coronavirus, nuovo decreto su mascherine, discoteche e voli: che cosa (non) cambia dal 14 luglio

  • Lo spettacolo della cometa Neowise, visibile a occhio nudo sopra Milano

Torna su
MilanoToday è in caricamento