Come diventare navigator a Milano: requisiti e domande

In Lombardia verranno assunti 300 navigator che fino  al 30 aprile 2021 percepiranno 27mila euro lordi all'anno

Centro per l'impiego (immagine repertorio)

La ricerca di navigator, le nuove figure professionali richieste per la gestione del reddito di cittadinanza, è ancora aperta. E in Lombardia si prevede l'assunzione di circa 300-350 persone, che percepiranno più di 1600 euro netti al mese. L'obiettivo dei navigator sarà quello di supportare i servizi all'impiego, potenziandoli proprio in funzione della nuova misura di contrasto della povertà e di inserimento lavorativo, e creando una rete di tutor per la gestione della platea dei suoi beneficiari. I navigator verranno assunti da Anpal Servizi S.p.A. grazie ad uno stanziamento governativo di 500 milioni di euro come previsto dal Decreto Legge 28 gennaio 2019 n. 4 pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 23 del 28 gennaio 2019.

Come candidarsi per diventare navigator

L'Agenzia Nazionale Politiche Attive Lavoro ha pubblicato online il bando per la selezione pubblica di 3mila figure necessarie all'avvio della seconda parte del Reddito di Cittadinanza, ovvero la ricollocazione dei beneficiari del sussidio economico. Le candidature possono essere inserite fino al prossimo 8 maggio 2019 entro le ore 12 e solo in modalità telematica, sul sito selezionenavigator.anpalservizi.it.

Per poter accedere al modulo da compilare per inoltrare la propria candidatura è necessario avere le proprie credenziali Inps: codice fiscale e pin, oppure SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) e CNS (Carta Nazionale dei Servizi). Per qualsiasi problema o dubbio è possibile contattare: selezionenavigator@anpalservizi.it. Dopo aver inoltrato la propria candidatura, sarà necessario stampare la domanda ed esibirla sottoscritta nel luogo e nel giorno stabilito per lo  svolgimento della prova scritta.

I requisiti per diventare navigator

Gli aspiranti navigator dovranno avere i requisiti ordinari per la partecipazione ai concorsi pubblici:

- cittadinanza italiana o di uno degli stati membri dell’Unione Europea o regolare permesso di soggiorno per lavoro

- godimento dei diritti civili e politici, anche nello stato di appartenenza e provenienza

- assenza di condanne penali, di procedimenti penali in corso, interdizione o altre misure che  escludono la costituzione del rapporto di lavoro con le pubbliche amministrazioni, secondo le leggi vigenti

- assenza di condanne penali, anche se con sentenza non passata in giudicato, per reati di mafia,  di terrorismo, di narcotraffico, di violenza sessuale, malversazione, truffa, frode, concussione, corruzione, induzione indebita a dare o promettere utilità, istigazione alla corruzione, peculato, turbata libertà dell’industria o del commercio, ricettazione, riciclaggio, autoriciclaggio

- assenza di licenziamenti o dispense dall’impiego presso una pubblica amministrazione

- idoneità fisica allo svolgimento delle attività.I candidati, inoltre, dovranno avere conseguito la laurea magistrale in una delle seguenti discipline:

-scienze dell’economia (LM‐56 o 64/S)

- della politica (LM‐62 o 70/S)

- delle pubbliche amministrazioni (LM‐63 o 71/S)

- economico aziendali (LM‐77 o 84/S)

- servizio sociale e politiche sociali (LM‐87)

- programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali (57/S)

- sociologia e ricerca sociale (LM‐88)

- sociologia (89/S)

- scienze dell’educazione degli adulti e della formazione continua (LM‐57 o 65/S)

- psicologia (LM‐51 o 58/S)

- giurisprudenza (LMG‐01 o 22/S)

- teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica (102/S)

- scienze pedagogiche (LM‐85 o 87/S).

In alternativa, i candidati possono aver conseguito anche il diploma di laurea secondo il “vecchio ordinamento” corrispondente ad una delle predette lauree magistrali ai sensi del decreto 9 luglio 2009 del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Oppure possono essere in possesso di altra laurea equiparata o equipollente sulla base delle vigenti disposizioni normative. Si ritengono equipollenti anche i titoli di studio conseguiti all’estero, o i titoli esteri conseguiti in Italia, riconosciuti secondo le vigenti disposizioni. Sarà cura del candidato vincitore dimostrare la sussistenza delle suddette condizioni al momento della contrattualizzazione.

Prove di selezione per navigator e stipendio

La prova di selezione consiste in un test a risposta multipla di carattere psicoattitudinale, di cultura generale e tecnico professionale nelle materie specificate nel regolamento del bando. La prova è valutata in centesimi e verrà superata da coloro che abbiano ottenuto un punteggio minimo pari a 60/100. Per chi verrà selezionato, l'assunzione avverrà con contratto a tempo pieno e determinato, per una durata di due anni.

L’incarico di collaborazione avrà durata fino al 30 aprile 2021 e un compenso lordo annuo pari a euro 27.338,76. A questi si aggiungeranno altri 300 euro lordi mensili a titolo di rimborso forfettario delle spese per l’espletamento dell’incarico, quali spese di viaggio, vitto e alloggio. Per maggiori informazioni consultare regolamento e avviso pubblico:

Regolamento Navigator

Avviso Navigator.


In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, incidente in viale Fulvio Testi: uomo travolto e ucciso dal tram della linea 31

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

  • "Puoi spostarti?": ragazza prende a schiaffi un uomo sull'autobus Atm, ma lui è sordomuto

  • Milano, la figlia neonata di una detenuta non respira: agente della penitenziaria la salva così

  • Incidente in autostrada A4 tra Agrate e la Tangenziale Est: nove chilometri di coda

Torna su
MilanoToday è in caricamento