Coronavirus, il dramma di chi ha perso tutto: "semi" di solidarietà per chi non ha più nulla

L'iniziativa di ActionAid: "Seeds", un progetto per aiutare le famiglie colpite più duramente

Donne specializzate nel lavoro di cura. Uomini impegnati nella ristorazione o nel piccolo artigianato. Ragazze e ragazzi irregolari, fantasmi per lo Stato. Famiglie precarie o che stanno combattendo in prima persona la battaglia contro il nemico invisibile. Sono le persone che hanno pagato il prezzo più caro nell'emergenza Coronavirus: sono le persone che non hanno più nulla, neanche un piatto caldo da mettere a tavola e che spesso restano fuori dalle forme di assistenza "ufficiali". 

Ma la solidarietà sa arrivare ovunque, sa abbattere ogni muro, e sulla solidarietà scommette da anni ActionAid, che negli ultimi giorni ha lanciato "Seeds", semi in inglese: un progetto e una raccolta fondi che si pongono l'obiettivo di dare aiuto immediato a 450 famiglie - tra Napoli e Milano - che sono "in difficoltà e a rischio esclusione". 

Nel Milanese è stato scelto il comune di Corsico, la "città più popolosa e con una percentuale più elevata di poveri di tutti i comuni dell’area" - spiegano dall'associazione -, "un caso emblematico del dramma umano e delle conseguenze socioeconomiche del Covid19". 

A Corsico sono già state aiutate, insieme all'associazione "La speranza", 250 famiglie, tutte con almeno un bambino. Lo scopo - fanno sapere da ActionAid - "è quello di rispondere ai bisogni immediati, fornendo aiuto diretto distribuendo prodotti alimentari, igienico sanitari e presidi sanitari. Garantire a queste famiglie l’accesso a cibo significa anche garantire un pasto completo a decine di bambine e bambine che senza la mensa scolastica non hanno più diritto all’unico pasto quotidiano sano e bilanciato".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La crisi economica provocata dall’emergenza Covid19 ha reso ancora più drammatica la realtà di tante famiglie precarie e in condizioni di vulnerabilità. Donne, anziani soli, disabili e bambini che hanno necessità di essere sostenuti ora e nei prossimi mesi per non essere ancora più ai margini nella ricostruzione del post pandemia - le parole di Katia Scannavini, vice segretaria generale di ActionAid Italia -. Il nostro impegno non si limita a dare aiuti immediati alla comunità, ma proseguirà nei prossimi mesi per far sì che nessuno venga escluso e che le voci di tutti vengano ascoltate. Per questo - ha concluso - è fondamentale il sostegno di tutti in questo momento”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, 15 volanti danno la caccia a un uomo: il folle inseguimento finisce in Buenos Aires

  • Incidente a Carpiano, scontro tra due auto piene di bambini: bimba di 7 mesi grave

  • Milano, ancora spari in via Creta: ragazzo di 32 anni gambizzato durante la notte, le indagini

  • Maltempo a Milano, violenta grandinata nel pomeriggio di venerdì: diversi allagamenti

  • Fanno esplodere la banca e scappano verso un campo rom: il bottino era di 60mila euro

Torna su
MilanoToday è in caricamento