Coronavirus, un sorriso nel dramma: dimesso il piccolo Leo, il bimbo è guarito ed è a casa

L'annuncio del sindaco di Corbetta: "È il volto meraviglioso della speranza". La storia

Il piccolo Leo nella foto postata dal sindaco su Facebook

È già diventato il "volto meraviglioso della speranza". Senza neanche capire quello che è successo, il suo sorriso è già un manifesto di gioia e ottimismo in un momento tanto difficile. 

Leonardo, un bimbo di soli 50 giorni che era risultato positivo al Coronavirus ed era stato ricoverato, mercoledì 25 marzo è uscito dall'ospedale ed è tornato a casa sua con mamma e papà. 

Il piccolo ha superato senza nessun problema l'infezione e adesso non ha più bisogno delle cure di medici e infermieri. Così, i genitori hanno potuto finalmente riabbracciarlo.

Ad annunciarlo, con un post Facebook, è stato Marco Ballarini, il sindaco della cittadina del Milanese. "Bentornato a casa piccolo Leo. Oggi abbiamo un motivo in più per sorridere, per essere felici, per sentirci ancor di più una Comunità unita", ha scritto il sindaco insieme a una foto del bimbo con la lingua di fuori, quasi che volesse sfidare il virus.

"Oggi guardiamo il volto meraviglioso della speranza, la nostra speranza. Corbetta, diamo il bentornato a casa al piccolo Leonardo, appena dimesso dall'ospedale dove ha vinto la battaglia contro il Coronavirus", ha aggiunto Ballarini. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Grazie di cuore Leo, grazie di cuore ai suoi genitori che non si sono mai arresi - ha concluso il primo cittadino - Avete portato l'estate nei cuori di tutti noi Corbettesi. Forza Corbetta". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, mascherine gratis in Lombardia: ecco dove ritirarle, a Milano sono 900mila

  • "Sono affamato": l'Esselunga gli regala la spesa, e lui sputa in faccia al vigilante

  • Coronavirus, a Milano continuano a crescere i contagi. Oltre 9mila morti in tutta la Regione

  • Coronavirus, a Milano 411 nuovi positivi in 24 ore: "La curva dei contagi è preoccupante"

  • Coronavirus, per la Regione "dati confortanti" ma la crescita dei contagi (e dei morti) è senza fine

  • "Mi hanno licenziato, faccio una strage": la chiamata ai ghisa fa scattare l'allarme a Milano

Torna su
MilanoToday è in caricamento