Coronavirus, solidarietà senza confini: la comunità cinese regala mascherine in strada

Iniziativa del centro culturale cinese con le autorità della provincia dello Zhejiang

L'iniziativa di martedì

Milano e Cina, vicine più che mai. Martedì mattina alcuni volontari del centro culturale cinese della Chinatown meneghina hanno distribuito in strada mascherine e guanti in una città che sta facendo sempre più i conti con l'emergenza Coronavirus, che solo in Lombardia ha già fatto registrare già oltre 16mila contagi e più di 1.600 morti.

I kit sono stati regalati in via Paolo Sarpi, storico cuore "cinese" sotto la Madonnina, a chiunque lo chiedesse. 

Mascherine e guanti sono stati regalati dalle autorità della provincia dello Zhejiang, da dove arriva la maggior parte dei cinesi che oggi vivono in Italia e in Europa. Da lì sono state donate all'Italia complessivamente oltre 31 tonnellate di merci, 1.638 scatoloni di materiali medicali.

Dalla Cina volo con 10 tonnellate di materiale sanitario

Mercoledì pomeriggio, poi, a Milano atterra un aereo da Shangai carico di 10 tonnellate di materiale sanitario donato da alcune province cinesi all'Italia.

Ad annunciarlo, con un post pubblicato su Facebook martedì, è stato il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. "Lo sforzo che l’Italia sta sostenendo in queste settimane è grandissimo. E come Governo abbiamo il dovere di dare risposte concrete, soprattutto verso medici, infermieri e operatori sociosanitari che 24 ore su 24 sono in prima linea a combattere l’emergenza Coronavirus. Domani pomeriggio - ha scritto il ministro grillino - arriverà a Milano, da Shanghai, un volo cargo con circa 10 tonnellate di materiale sanitario". 

A bordo ci saranno "30 ventilatori polmonari, 400mila mascherine, 60mila kit diagnostici, farmaci, 5.500 tute protettive, 6.700 occhiali protettivi e molto altro. Aiuti che si vanno ad aggiungere a quelli già arrivati nei giorni scorsi" a Roma e martedì mattina a Milano con una donazione della Croce rossa cinese. 

A Milano in arrivo medici dalla Cina

Non solo materiale sanitario. Perché - ha spiegato lo stesso Di Maio - "l'aereo trasporterà anche due gruppi di medici, infermieri ed esperti cinesi che, a seguito delle intese siglate tra i ministeri degli Esteri, della Salute e le Regioni Lombardia e Toscana, si recheranno a Firenze e Milano", dove continua la lotta per trovare posti in terapia intensiva.

E nei prossimi giorni la staffetta di solidarietà si ripeterà un'altra volta. "Inoltre - ha sottolineato Di Maio - partirà un altro volo cargo per la Cina che porterà in Italia altri 100 ventilatori polmonari e almeno altri 2 milioni di mascherine, in parte già acquistate dalla Protezione Civile e dal commissario straordinario per le strutture ospedaliere, in parte oggetto di donazioni". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Mentre dalla Germania - ha concluso il ministro - sono in arrivo oltre 1.500 tute mediche destinate agli ospedali della Lombardia. L’Italia non è sola e oggi tutto il mondo deve parlare una sola lingua: quella dell’umanità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Milano e in Lombardia: le prime previsioni

  • Milano, si tuffa nel Naviglio asciutto per scappare dalla polizia e si rompe una gamba

  • Coronavirus, il contagio non si ferma: Milano sfonda quota 3mila, in Lombardia +2.400 casi

  • Coronavirus, quando finisce quarantena? "Le misure saranno allungate oltre 3 aprile"

  • Coronavirus: contagi in calo in Lombardia, ma 458 morti in un giorno. A Milano 3.560 positivi

  • Il Coronavirus non si ferma: in un giorno 848 contagi tra Milano e hinterland. Tutti i dati

Torna su
MilanoToday è in caricamento