L'infermiere ridisegna l'opera di Delacroix: "Gli eroi che combattono i coronavius siamo noi"

È successo all'ospedale Guido Salvini di Garbagnate Milanese, l'autore è Riccardo Orifiamma

Il disegno di Riccardo Orifiamma

“La libertà guida il popolo” famosa opera di Delacroix rivisitata in chiave locale diventa “La battaglia è in corso”. A trasformarla è Riccardo Orifiamma, da 12 anni infermiere del reparto di Nefrologia a Garbagnate e grande appassionato di disegno. 

Dopo settimane di lavoro intenso, di emozioni, dolore, stanchezza ma anche gioia nel vedere chi guarisce dal Covid 19, sente l’orgoglio di appartenere ad un equipe di persone che con grande professionalità affronta l’emergenza dettata dal coronavirus, è grato di appartenere all’Asst Rhodense e vuole esprimere il suo grazie a colleghi e operatori tutti. Non a parole ma alla maniera con cui sa farlo meglio: attraverso un disegno. Si arrangia con quello che ha in casa, fogli bianchi e china. Per lui l’incarnazione della “libertà” è l’infermiera che porta con orgoglio la bandiera, intorno a lei medici stremati, persone intubate o in terapia intensiva, qualcuno non ce l’ha fatta, e attrezzi della terapia intensiva sparsi in giro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Una situazione di trincea dove noi professionisti sanitari ci siamo dentro con tutte le scarpe, i professionisti di sempre quelli che prendono insulti, minacce ecc... ma salvano vite, turni massacranti, riposi che saltano, notti dalle mille notti – scrive in una lettera ai colleghi l’autore - Il virus ha colto tutti di sorpresa, ma noi non possiamo permetterci il lusso di “Stare a casa” con le nostre famiglie, non possiamo cedere alla paura, allo sconforto e alla stanchezza. E’ una situazione senza precedenti, tanti si sono ammalati per prendersi cura di chi aveva bisogno, tanti sono morti. Noi professionisti sanitari quelli in prima linea e quelli che lavorano nelle retroguardie ce la stiamo mettendo tutta. Ce la faremo!”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • Spostamenti fuori regione dal 3 giugno: la Lombardia rischia di rimanere chiusa altre 2 settimane

  • Esibizione Frecce Tricolori in Lombardia: video e immagini esibizione lunedì 25 maggio

  • Bollettino contagi 30 maggio 2020: morti senza fine, ancora 67 persone. Contagi stabili

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: continuano a salire i contagi +382

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia: 38 morti e +354 positivi, il 70% dei nuovi casi in Italia

Torna su
MilanoToday è in caricamento