Coronavirus, altro assalto ai supermercati a Milano: file mostruose e gente con i trolley

Altro assalto ai supermercati a Milano dopo l'ipotesi di un'ulteriore stretta sui negozi

La fila all'Esselunga di viale Suzzani

Come la prima volta. Forse di più. Nuovo assalto ai supermercati a Milano, come già successo nei giorni immediatamente successivi al decreto del governo che trasformava la Lombardia in una zona rossa nel tentativo di contenere l'emergenza Coronavirus. 

Questa volta è bastata l'ipotesi di misure più stringenti - in ogni caso i supermercati resteranno sempre aperti - per scatenare nuovamente il panico collettivo. Venerdì mattina file vengono segnalate praticamente fuori da ogni supermercato di Milano, dal centro alla periferie. 

In coda tanta gente preoccupata, tornata con i trolley come non si vedeva dall'inizio dell'emergenza. All'Esselunga di via Fauché, una delle più frequentate nel capoluogo lombardo, alle 7 del mattino la coda si articolava sui 4 lati del grande isolato, con tempi di ingresso superiori a un'ora. Al vicino Carrefour in piazza Diocleziano, altra lunga coda e apertura contingentata negli orari, con ingresso di una sola persona per famiglia. 

"Abbiamo visto che arrivava il camion dei rifornimenti e siamo venuti qui - ha detto all'Ansa una signora in fila con una grossa valigia trolley -, ma se lo avessi saputo avrei lasciato mio marito a casa".

Scene simili anche fuori dall'Esselunga di viale Suzzani, con la coda che gira attorno all'edificio, tanto che è dovuta intervenire la polizia locale per riportare la calma. Lo stesso film già visto giovedì a Pioltello, dove oltre 300 persone si erano messe in fila fuori dall'Esselunga. Anche lì era stato necessario l'intervento delle forze dell'ordine. 

I supermercati riducono gli orari

Intanto, proprio per "motivi di sicurezza" e per "offrire un servizio più efficace", i supermercati iniziano a ridurre gli orari di apertura. Dopo Coop - che ha ufficializzato la chiusura dei suoi negozi per due domeniche - anche Esselunga ha deciso di "razionalizzare". 

"In attesa di eventuali disposizioni governative – si legge in una nota diffusa venerdì mattina dalla catena fondata da Bernardo Caprotti – Esselunga razionalizza gli orari di apertura dei suoi punti vendita per garantire ulteriore sicurezza alla clientela e ai suoi collaboratori e contribuire a ridurre il flusso delle persone fuori casa". 

"Da sabato 21 marzo fino a venerdì 3 aprile, nei negozi in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Veneto, Liguria e Toscana nei giorni feriali verrà anticipata alle ore 20 la chiusura e la domenica l'orario di apertura sarà dalle 8 alle 15.".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Lo spettacolo della cometa Neowise, visibile a occhio nudo sopra Milano

  • Bollettino coronavirus Milano e Lombardia: 192 guariti, 15 nuovi positivi a Milano città

  • H&M chiude a Milano, lavoratori trasferiti ad Ancona (e non solo): "Non ci fanno rientrare"

Torna su
MilanoToday è in caricamento