Movida e Covid, Sala: "Troppi assembramenti a Milano, il buonsenso fino a un certo punto"

Il sindaco su Facebook: "Con le forze dell'ordine disponibili non si riesce a gestire"

La situazione in corso Garibaldi venerdì sera

Un ammissione sul buonsenso che "funziona fino a un certo punto". E un incontro futuro, lunedì, che potrebbe cambiare le carte in tavola. Il sindaco di Milano, Beppe Sala, domenica pomeriggio è tornato sul tema movida durante la fase 2 dell'emergenza Coronavirus, esploso nuovamente con forza venerdì sera dopo le immagini arrivate soprattutto da zona Moscova, tra folla fuori ai locali, poche mascherine e distanze ridotte al minimo. 

"Le situazioni serali e notturne dove si riscontrano assembramenti, parola bruttissima, ma così ci si intende, sono molte - ha confermato il primo cittadino su Facebook -. Non è questione di giusto o sbagliato. O di giovani o meno giovani, posto che in giro non ci sono solo giovani e, d’altro canto, se dovessi giudicare dai messaggi che ricevo, sono tanti i ragazzi che 'denunciano' l’irresponsabilità di altri ragazzi", ha sottolineato il sindaco. 

"Ieri mi sono sentito con i sindaci delle grandi città. C’è frustrazione in noi - ha ammesso - perché tutti concordiamo che con le forze dell’ordine disponibili non si riesce a gestire gli assembramenti e che il richiamo al buonsenso funziona fino a un certo punto. Domani - ha concluso - farò nuovamente il punto con il Prefetto per verificare la situazione, a valle del weekend". Non è escluso, quindi, che lunedì possano arrivare novità - e nuovi divieti -, che tra l'altro già nella giornata di sabato erano state ventilate dal presidente di regione Lombardia, Attilio Fontana. 

“Come ho più volte ribadito, Regione Lombardia è pronta a intervenire, anche con nuove restrizioni, per evitare che tutto il lavoro svolto fin qui grazie alla buona volontà della maggioranza dei cittadini, venga vanificato da alcuni incoscienti”, aveva detto il governatore. “Dopo aver visto nelle ultime ore le foto, i video e le notizie riguardanti assembramenti e movida in diversi comuni lombardi – aveva proseguito Fontana – mi appello ai Prefetti e ai Sindaci della nostra regione. Lo faccio affinché usino, dove serve, il massimo del rigore. Anche attraverso l’utilizzo della Polizia locale e delle Forze dell’ordine. Con l’applicazione delle sanzioni previste dalla legge, come la riduzione dell’orario di apertura e la chiusura”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E venerdì in effetti sette locali in giro per Milano sono stati multati proprio per gli assembramenti, ancora vietati anche durante la fase 2. Sabato sera, invece, la situazione è stata decisamente più tranquilla, anche grazie al maltempo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, 15 volanti danno la caccia a un uomo: il folle inseguimento finisce in Buenos Aires

  • Incidente a Carpiano, scontro tra due auto piene di bambini: bimba di 7 mesi grave

  • Milano, ancora spari in via Creta: ragazzo di 32 anni gambizzato durante la notte, le indagini

  • Tragedia a Pero, bambino di 5 anni muore soffocato mentre mangia una brioche in casa

  • Maltempo a Milano, violenta grandinata nel pomeriggio di venerdì: diversi allagamenti

Torna su
MilanoToday è in caricamento