Nuove regole per shopping, ristoranti ed estetica: come sarà la Milano post emergenza

Solo un cliente alla volta nei negozi più piccoli, gel disinfettanti all'ingresso dei punti vendita e parrucchiere solo su appuntamento

Foto Ansa

Che l'emergenza coronavirus sia stato un evento di tale portata da dividere la storia mondiale in un pre e in un post e già stato detto. E ora che le città si preparano a ripartire per la cosiddetta 'fase 2', che probabilmente non sarà affatto breve, si pensa a tutte le misure per tornare, almeno in parte, alla normalità senza correre rischi per la salute. Anche a Milano cambiano quindi le regole per i negozi, i parrucchieri e gli estetisti. Ecco come sarà la città del dopo emergenza.

Gel disinfettanti, mascherine e guanti

All'ingresso e vicino alle casse dei negozi - che prima della riapertura prevista per l'11 maggio dovranno essere sanificati - i milanesi troveranno tanti dispenser con prodotti per la disinfezione delle mani. Commessi, cassieri e altri operatori avranno l'obbligo di portare mascherina e guanti, che saranno consigliati anche per i clienti. In ogni caso tutti dovranno rispettare il distanziamento di almeno un metro. Maniglie, camerini e altri parti dei locali dovranno essere puliti con prodotti specifici due volte al giorno. Al momento di pagare in cassa si potranno trovare anche barriere in plexiglas.

Negozi con ingressi contingentati e sanificazione

Gli esercizi commerciali più piccoli - la metratura indicata dal governo è di 40 metri quadri - potranno far entrare soltanto un cliente alla volta e consentire la compresenza di un massimo di due commessi. Nelle boutique con spazio ancora più ridotto, che a Milano non sono poche, potrà lavorare solo un dipendente (e ovviamente non potrà accedere più di un cliente per volta).

Anche nei negozi più grandi gli ingressi saranno comunque regolamentati e, ogni volta in cui è possibile, l'entrata e l'uscita saranno separate. Nei grandi magazzini, come ad esempio La Rinascente, verrà predisposto un contapersone all’entrata e il flusso verrà gestito anche all'interno dei singoli piani, che potranno essere chiusi in caso di affollamento. Nella 'fase 2', le grandi catene punteranno molto anche sulle consegne a domicilio.

Abbigliamento e accessori

Per quanto riguarda vestiti e scarpe, il consiglio del governo è di sanificare tutti gli articoli che sono stati provati e non comprati. Ma i rappresentanti del settore commercio sono restii: il costo delle macchine è alto e in molti casi la merce può essere rovinata durante le operazioni di disinfezione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Estetisti e parrucchieri

Oltre ai dispenser con gel disinfettanti e l'obbligo per tutti di indossare mascherine e guanti, in queste attività ad alto rischio di contagio - che dovrebbero poter tornare in esercizio al più tardi il 18 maggio - il rapporto tra operatori e clienti dovrà essere sempre di uno a uno. Gli accessi saranno quindi solo su appuntamento. Si prevede anche l'obbligo di sanificare locali e sterilizzare gli strumenti utilizzati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Coronavirus, l'allarme dei medici di Milano: "Prepararsi a stagione influenzale o sarà crisi"

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

  • Coronavirus, nuovo decreto su mascherine, discoteche e voli: che cosa (non) cambia dal 14 luglio

  • Lo spettacolo della cometa Neowise, visibile a occhio nudo sopra Milano

Torna su
MilanoToday è in caricamento