Piazza Fontana, i nomi delle vittime della strage incisi su 17 formelle

Nel pomeriggio di lunedì 9 dicembre si è tenuta la cerimonia inaugurale della posa. Presenti la vicesindaco Anna Scavuzzo e il presidente dell’Associazione vittime piazza Fontana Carlo Arnoldi

La posa delle formelle (foto da MiaNews)

In occasione del ricco palinsesto di eventi per il 50° della strage di piazza Fontana, nel pomeriggio di lunedì 9 dicembre sono state posate diciassette formelle con i nomi delle vittime dell'attentato terroristico compiuto il 12 dicembre 1969, quando una bomba esplose alla Banca Nazionale dell'Agricoltura.

Il ricordo delle vittime della strade di 50 anni fa

Le formelle vogliono ricordare le diciassette persone che persero la vita nella strage di piazza Fontana. A presenziare la cerimonia della posa la vicesindaco Anna Scavuzzo e il presidente dell’Associazione vittime di piazza Fontana Carlo Arnoldi. Scoperta anche la lapide commemorativa dell'eccidio, che recita: "12 dicembre 1969. Strage di piazza Fontana, 17 vittime. Ordigno collocato dal gruppo terroristico di estrema destra Ordine Nuovo”.

la lapide

(La lapide introduttiva, foto Ig/Cristinanazzi)

Ogni formella porta inciso il nome di ognuna delle vittime: Giovanni Arnoldi 42 anni, Giulio China 57, Pietro Dendena 45, Eugenio Corsini 65, Carlo Gaiani 37, Calogero Galatioto 37, Carlo Garavaglia 71, Paolo Gerli 45, Luigi Meloni 57, Vittorio Mocchi 33, Gerolamo Papetti 78, Mario Pasi 48, Carlo Perego 74, Oreste Sangalli 49, Angelo Scaglia 61, Carlo Silva 71 e Attilio Valè 52.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Con questa posa lasciamo un segno tangibile per la memoria collettiva del nostro paese - ha dichiarato Anna Scavuzzo durante la cerimonia -. Milano è memoria, il nostro pensiero ci riporta a quel terribile giorno, in cui un atto vile e infame ha inferto a molte famiglie e alla nostra città una ferita che neppure il tempo può dimenticare. Oggi più di ieri, a distanza di cinquant’anni, ricordiamo le vittime una per una”. Carlo Arnoldi ha invece enfatizzato la soddisfazione per la presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella che sarà a Milano il 12 dicembre per la commemorazione delle vittime nel cinquantesimo anniversario: "È la prima volta che un presidente della Repubblica viene a Milano il 12 dicembre. È un segnale molto forte. Significa che piazza Fontana non si dimentica”. Presenti alla cerimonia anche alcuni famigliari delle vittime.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, mascherine gratis in Lombardia: ecco dove ritirarle, a Milano sono 900mila

  • "Sono affamato": l'Esselunga gli regala la spesa, e lui sputa in faccia al vigilante

  • Coronavirus, a Milano continuano a crescere i contagi. Oltre 9mila morti in tutta la Regione

  • Coronavirus, a Milano 411 nuovi positivi in 24 ore: "La curva dei contagi è preoccupante"

  • Coronavirus, per la Regione "dati confortanti" ma la crescita dei contagi (e dei morti) è senza fine

  • Coronavirus, 99 malati in più a Milano nelle ultime 24 ore. «Serve ultimo sforzo»

Torna su
MilanoToday è in caricamento