"Ricordare è dovere", ecco il tweet di Liliana Segre dedicato al 25 aprile

La senatrice a vita ha pubblicato la foto della pietra d'inciampo dedicata a suo padre

Liliana Segre

"Questa è la Pietra d'Inciampo di fronte alla casa dove abitavamo a Milano. Ricordare è dovere. La memoria va difesa e diffusa". È il tweet che ha pubblicato nei giorni scorsi la senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta ai campi di concentramento nazifascisti. Un messaggio senza riferimenti diretti alle polemiche di questi giorni e senza citare la ricorrenza del 25 aprile. Pochi caratteri e una foto della "pietra" dedicata al padre Alberto ucciso nel campo di sterminio di Auschwitz, "pietra" installata davanti alla sua casa di corso Magenta nel 2017.

25 aprile: incendiata la statua dedicata a una giovane partigiana 

Nella notte tra Pasqua e Pasquetta alcuni vandali hanno tentato di incendiare la statua dedicata a Giulia Lombardi, partigiana di 22 anni assassinata il 26 maggio del 1944 dai repubblichini. La scultura lignea era stata inaugurata il 14 aprile nella piazzetta davanti alla scuola elementare di Vighignolo, frazione di Settimo Milanese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, 15 volanti danno la caccia a un uomo: il folle inseguimento finisce in Buenos Aires

  • Incidente a Carpiano, scontro tra due auto piene di bambini: bimba di 7 mesi grave

  • Milano, ancora spari in via Creta: ragazzo di 32 anni gambizzato durante la notte, le indagini

  • Maltempo a Milano, violenta grandinata nel pomeriggio di venerdì: diversi allagamenti

  • Fanno esplodere la banca e scappano verso un campo rom: il bottino era di 60mila euro

Torna su
MilanoToday è in caricamento