"Ci sgomberano senza alternativa": il presidio contro l'abbattimento di via Lorenteggio 181

Abitanti, comitato Lorenteggio-Giambellino e sindacati di inquilini protestano. "La riqualificazione del quartiere non va a vantaggio di chi ci vive"

via Lorenteggio 181

Presidio antisgombero davanti al civico 181 di via Lorenteggio nella mattinata di giovedì 10 maggio. Lo hanno organizzato alcuni inquilini dell'edificio, una cui ala è in procinto di essere abbattuta secondo i piani di Aler e del Comune di Milano in vista del grande progetto di riqualificazione che interesserà tutta la zona Lorenteggio-Giambellino e per la quale sono stati stanziati più di 90 milioni di euro da parte delle istituzioni coinvolte.

Nell'ala interessata dal prossimo abbattimento vivono attualmente una ventina di famiglie con diversi minori integrati nelle scuole del quartiere. Alcuni di questi nuclei familiari sono formalmente abusivi anche se è in vigore, a partire dal 2016, un protocollo d'intesa stipulato dal Comune, dall'Aler e dai sindacati degli inquilini (in vista del progetto di riqualificazione) per intervenire con politiche di welfare anche sui cosiddetti "occupanti per necessità".

Renzo Piano coinvolto nella riqualificazione di Lorenteggio

Nella mattinata di giovedì 10 maggio era in programma un intervento da parte dei tecnici per "staccare" acqua e luce agli alloggi. «Uno sgombero bianco», spiegano i sindacati Sicet-Cisl e Unione Inquilini, «per invitare le famiglie a 'sloggiare' senza intervenire con la forza. Ma noi vogliamo che si applichi il protocollo. Invece non c'è interlocuzione né con Aler né coi servizi sociali del Comune di Milano».

Lorenteggio, il concorso per la nuova biblioteca

Sul posto, a sostenere gli abitanti dello stabile, anche il comitato Giambellino-Lorenteggio, che critica fortemente il progetto di riqualificazione. «Sulla carta è evidente che il quartiere abbia bisogno di un intervento perché gli stabili sono fatiscenti», chiarisce un rappresentante, «ma questo progetto da più di 90 milioni non è fatto per chi vive già nella zona, bensì è pensato per chi verrà a viverci dopo che gli stabili saranno stati ristrutturati e sarà cambiata la destinazione da casa popolare a residenziale». 

Il civico 181 è tra i più "malandati" di tutta la via. E' qui che da un balcone cadde improvvisamente un pezzo di muratura, che solo per miracolo non provocò danni a nessuno. Aler ha valutato che le condizioni di questo edificio sono troppo compromesse perché sia conveniente la ristrutturazione: di qui la scelta di abbattere. «Ma serve anche spazio per creare un parcheggio per la futura stazione della linea 4 del metrò», spiega il comitato.

La riqualificazione del quartiere

La nuova biblioteca sarà il "fiore all'occhiello" del quartiere: non soltanto uno spazio per prendere a prestito libri e leggerli, ma un vero e proprio punto d'incontro per gli abitanti, al fine di garantire una migliore integrazione e coesione. Ma il progetto è molto di più, e ha coinvolto anche l'archistar e senatore a vita Renzo Piano. Nuova illuminazione, bottteghe sociali, laboratorio di quartiere, più sostegno a chi è in difficoltà e naturalmente la ristrutturazione di alloggi e palazzi popolari. 

E poi una "piazza lineare" in via Segneri e gli interventi in via Odazio, con un arredo urbano rinnovato e il nuovo mercato rionale, su cui Piano è intervenuto con la sua creatività dirigendo il gruppo di lavoro G124. Un rinnovamento urbanistico ed edilizio per dare un nuovo volto e nuova vita all'intero quartiere.

Sul piano prettamente edilizio saranno interessati 25 fabbricati per la bonifica dell'amianto (800 alloggi) e 12 fabbricati per la ristrutturazione (400 alloggi), a cui aggiungere 240 alloggi attualmente sfitti e non assegnabili per le cattive condizioni di manutenzione e che spesso sono oggetto di occupazioni abusive, recuperati con fondi assegnati alla Regione.

E per il processo di mobilità sono state messe a disposizione risorse regionali per 4,2 milioni di euro. L’intervento di riqualificazione complessivamente potrà così interessare circa 1.500 famiglie (di cui circa 700 con alloggi completamente nuovi). Ma è proprio sul processo di mobilità che, secondo i sindacati degli inquilini e i comitati di quartiere, qualcosa si è incrinato. Fino ad arrivare agli sgomberi senza alternative nonostante il protocollo invocato il 10 maggio da chi ha effettuato il presidio davanti al civico 181 di via Lorenteggio.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Il tanto acclamato Comitato Abitanti Giambellino Lorenteggio non é altro che Comitato Occupanti visto che essi stessi sono universitari occupanti di appartamenti. tutto ebbe inizio con l'occupazione della palazzina a due passi da Piazza Napoli. Una volta sbattuti fuori hanno iniziato ad impossessarsi di appartamenti e negozi popolari chiusi del tratto fra Largo Giambellino e Piazza Tirana. il comitato fa riferimento ad un ragazzo che si veste sempre di nero e occhiali scuri, si chiama Nicolò ed é soprannominato il baffetto. Hanno anche occupato gli ex uffici aler di via Inganni e il bar chiuso di Via Odazio. Spesso fanno mini cortei e non ci mettono mai la loro faccia davanti ma sempre di stranieri, e ancora peggio donne in cinta o con bimbi piccoli, cos' da non permettere alle forze dell'ordine di intervenire. La maggior parte di loro sono universitari bocconiani e di famiglia molto benestante, lo stesso " baffetto" é stato visto con un suv, che posteggia lontano per non farsi vedere. Ultimamente sono poco attivi perché si sono resi conto che stanno prendendo per i fondelli chi ci abita/occupa. Pure io c'ero cascato ai tempi della palazzina di Piazza Napoli, ma per fortuna mi sono ricreduto. Vanno in giro ad imbrattare i muri delle nostre case e poi vanno in giro manifestando per il degrado della zona.

  • il 90% degli abitanti dei civici 181 /183/ via recoaro via segneri via giambellino dal civico 150 al civici 140 sono abusivi e zingari abusivi che occupano case senza avenre il minimo dirirtto il sicet o presunto tale quali abitanti parla ??? di persone indifendibili non vengano a parlammi di abusivismo per necessita perche non ESISTE la necessita tutti hanno necessita di casa.. ma chi puo la compra facendosi un mutuo oppure va in affitto pagando regolarmente PEr cortesia almeno di non avere la faccia come il CURRICULUM

    • Ci sono anche realtà diverse da quelle che elenchi tu, sicuramente la piaga dell'occupazione abusiva è molto forte ma nelle popolari di Milano esiste da almeno 40anni. Il problema vero è che dove devono andare a sgomberare le famiglie abusive non vanno (vedi via civitali e zona selinunte)...dove invece sono 4 s******ti, vanno a fare i paladini della giustizia.

  • Fate come le persone normali,andate a lavorare e pagatevi un mutuo se non volete problemi di sorta Se dovete barbonare con le più puerili e patetiche scuse è giusto che siate alla mercè del Comune che può e deve decidere autonomamente delle sorti dei propri stabili

  • e aggiunto ...se non vi va bene che vi buttano fuori da una casa che non è vostra e che avete occupato abusivamente, allora tornatevene al vs paese e fate la stessa cosa ... poi vediamo

  • ha ragione Matte ... è che siamo noi gli unici scemi che per una casa si indebitano per 20/30 anni ? e che caxx!!!! almeno abbiate l intelligenza di stare in silenzio e non lamentarvi

  • fatevi un mutuo come tutti

Notizie di oggi

  • Elezioni europee 2019

    Elezioni europee e comunali, urne chiuse alle 23: affluenza in calo a Milano, via allo spoglio

  • Sport

    Inter-Empoli 2-1, video gol: Keita e Nainngolan per la Champions, Icardi sbaglia un rigore

  • San Siro

    Bambino ucciso dal padre in casa: San Siro lo ricorda con una fiaccolata

  • Cronaca

    Omicidio suicidio a Borgarello: strangola la colf 28enne nella sua villetta, poi si uccide

I più letti della settimana

  • Omicidio a Milano, bimbo di 2 anni ucciso di botte in via Ricciarelli: padre in fuga per ore

  • Omicidio a Cusano, uomo va a casa della ex: accoltellato e ucciso dal nuovo compagno

  • Terremoto vicino a Milano, registrata scossa di magnitudo 2.5 a Robecco sul Naviglio

  • Omicidio a Cusano, uccide l'ex compagno della donna con cui sta da dieci giorni: fermato

  • Matteo, il ragazzino di sedici anni scomparso da Assago: "Non ho più nessuna notizia di lui"

  • Milano, temporali forti in arrivo in città: allerta meteo della regione per "criticità gialla"

Torna su
MilanoToday è in caricamento