Moschee, Sala: bisogna dare risposte certe ai 70mila musulmani che vivono a Milano

Sala: "Sono a favore di moschee non grandi, di farle con buon senso, senza disturbare"

Repertorio (il progetto del tempio per Sesto)

"Ho letto anche io quanto deciso dal Tar, bisogna approfondire la questione ma continuo a insistere su un punto, cioè che ci deve essere un tempo limite per questa discussione, altrimenti continuiamo ad andare avanti e non diamo risposta a 70mila islamici che vivono in città e che ne sono parte".

E' questo il commento del sindaco di Milano, Giuseppe Sala, commentando, a margine della World Energy Week, la sentenza del Tar della Lombardia che ha sollevato la questione di illegittimità costituzionale della legge lombarda sui luoghi di culto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non è un fatto di essere buonisti o severi ma di dire la verità e cosa realisticamente si può fare. La mia posizione poi è nota: sono a favore di moschee non grandi, di farle con buon senso, senza disturbare la città, non trovo giusto infatti che gli islamici non possano pregare - ha concluso Sala -. La posizione della Regione Lombardia non l'ho capita fino in fondo, temo che a volte sia solo un po' dilatoria".
   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Milano e in Lombardia: le prime previsioni

  • Coronavirus: contagi in calo in Lombardia, ma 458 morti in un giorno. A Milano 3.560 positivi

  • Coronavirus, per la Regione "dati confortanti" ma la crescita dei contagi (e dei morti) è senza fine

  • Coronavirus, ecco l'applicazione per il cellulare: "Vi chiediamo di scaricarla tutti"

  • Coronavirus, gli esperti bocciano l'apertura scaglionata: "Sì a un altro mese di chiusura"

  • Coronavirus, prese due aerei e un taxi per scappare da Milano: donna muore in Sicilia

Torna su
MilanoToday è in caricamento