Milano, addio alla mamma delle pigotte Unicef: morta Jo Garceau

La donna si è spenta a 80 anni. L'idea delle bambole solidali le era venuta pensando ai giocattoli di pezza di quando era bambina

Pigotte (da Iisc Colombo)

"Quando ho pensato di realizzare le Pigotte non mi aspettavo che quest’idea avrebbe fatto tanta strada". Così scriveva Jo Garceau, l'americana che inventò le pigotte, le bambole solidali che ogni anno Unicef fa realizzare nelle scuole e nei centri per anziali per poi venderle ricavando fondi per salvare le vite di centinaia di migliaia di bambini nel mondo. La donna, che risiedeva nel milanese a Cinisello Balsamo, si è spenta all'età di 80 anni.

La vita e l'idea delle bambole

A dirle addio attraverso un lungo post su Facebook è stata Daniela Gasparini, sindaco di Cinisello: "È morta Jo Garceau una cittadina che ha dato prestigio alla nostra città impegnandosi per i bambini del Mondo. Jo era una persona speciale voglio ricordarla a chi l'ha conosciuta ma anche a chi non ha avuto questo piacere". 

Garcenau aveva inventato le bambole di pezza ispirandosi a quelle che la nonna le confezionava per Natale quando era bambina negli Stati Uniti. "Ho pensato che sarebbe stato bello ricreare quello spirito di compartecipazione, di amore e di gioia che coinvolge diverse generazioni: nonni, figli e nipoti. A questi elementi ho aggiunto il valore della solidarietà creando bambole di pezza che potevano essere adottate", scriveva Garceau sul sito di Unicef.

"Jo era nata nel 1938 e si chiamava Joanna Adelina Garçeau era nata in America da padre francese e madre pellerossa della tribù del Cherokee (delle sue origini era molto orgogliosa)", ricorda Gasparini, che ricostruisce anche l'arrivo in Italia della donna, giunta a Roma grazie a una borsa di studio. "Iniziò la carriera di cantante e poi anche attrice - continua il sindaco -  È venuta ad abitare a Cinisello Balsamo dopo il matrimonio con un avvocato".

Grazie all'idea delle pigotte di Jo Garceau, Unicef ha potuto raccogliere 27 milioni di euro nel corso di 30 anni, coinvolgendo alunni delle scuole e anziani di circoli ricreativi e case di riposo, e aiutando 800mila bambini in tutto il mondo. "Chi realizza e/o adotta una Pigotta di fatto aiuta un bambino in attesa di un aiuto che può salvargli la vita", scriveva la donna a proposito delle bamboline di pezza.

Garceau aveva poi lavorato ad altri progetti sempre in favore dei bambini, di cui uno per prevenire abusi e malattie coinvolgendo i pediatri e altri per aiutare i meno fortunati. "Cara Jo grazie - conclude Gasparini su Facebook - sei la dimostrazione di cosa può fare una persona che vuole dare il suo contributo per la giustizia sociale, per garantire ai bambini pari diritti e per dare loro l'opportunità di una vita migliore".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Video

    Ritorna il Palalido in città con più di 5 mila posti: "Sarà la casa della pallavolo"

  • Attualità

    Da clandestino a scrittore milanese, la storia di Eltjon: "Salvini? Alcune sue idee mi piacciono"

  • Cronaca

    Notte di fuoco a Milano: ben 11 auto incendiate tra Settimo, Buccinasco e Abbiategrasso

  • Eventi

    Per ogni biglietto della mostra di Ingres a Palazzo Reale, 1 euro verrà devoluto a Notre Dame

I più letti della settimana

  • Agguato in via Cadore a Milano, gli si affiancano in motorino e gli sparano in faccia

  • Schianto tra auto e scooter in viale Umbria: morto uomo di 47 anni

  • Milano, 16enne disabile massacrato a calci in faccia al Parco Nord: bullo piange per l'arresto

  • Milano, svaligiati cinquanta box nello stesso condominio: via macchine, bici e motociclette

  • Incidente stradale in viale Fulvio Testi: travolta da furgoncino, morta anziana di 88 anni

  • Uomo si spara un colpo di pistola in auto: trovato agonizzante in un parcheggio a Milano

Torna su
MilanoToday è in caricamento