Monumentale, compare un murale dedicato a Valeria Solesin e Giulio Regeni

L'opera, dedicata ai ricercatori scomparsi, è firmata dai ragazzi del collettivo 'Tempio del futuro perduto'

Il murale (foto tempiodelfuturoperduto/Instagram)

"Attraverso l'arte ricordiamo e celebriamo  i giovani a cui è stato rubato il futuro". Queste le parole del collettivo 'Tempio del futuro perduto' a commento del murale con i volti dei due ricercatori scomparsi Giulio Regeni e Valeria Solesin, che hanno realizzato in zona Monumentale. Giulio e Valeria, hanno scritto gli artisti sul loro profilo Instagram, "vivono nel Tempio".

L'opera, che rappresenta i volti dei due ragazzi morti in primo piano, vuole essere un omaggio ai giovani ricercatori: Giulio Regeni, il dottorando italiano dell'Università di Cambridge ucciso in Egitto nel 2016 dopo essere stato rapito e torturato, e Valeria Solesin, la ricercatrice italiana dell'Università Sorbona morta nel 2015, vittima dell'attentato terroristico al Bataclan di Parigi.

All'inizio di ottobre una nuova opera di street art aveva rinnovato la sede di 'Handicap su la testa' al Giambellino. A settembre, invece, un murale dalle tinte vivaci era comparso all'Idroscalo per ricordare l'importanza di tutelare l'ambiente

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, mascherine gratis in Lombardia: ecco dove ritirarle, a Milano sono 900mila

  • "Sono affamato": l'Esselunga gli regala la spesa, e lui sputa in faccia al vigilante

  • Scuola e Coronavirus: "Incalzata, la ministra Azzolina ha abbandonato la chat. Surreale"

  • Coronavirus, a Milano continuano a crescere i contagi. Oltre 9mila morti in tutta la Regione

  • Coronavirus, a Milano 411 nuovi positivi in 24 ore: "La curva dei contagi è preoccupante"

  • Coronavirus, 99 malati in più a Milano nelle ultime 24 ore. «Serve ultimo sforzo»

Torna su
MilanoToday è in caricamento