Monumentale, compare un murale dedicato a Valeria Solesin e Giulio Regeni

L'opera, dedicata ai ricercatori scomparsi, è firmata dai ragazzi del collettivo 'Tempio del futuro perduto'

Il murale (foto tempiodelfuturoperduto/Instagram)

"Attraverso l'arte ricordiamo e celebriamo  i giovani a cui è stato rubato il futuro". Queste le parole del collettivo 'Tempio del futuro perduto' a commento del murale con i volti dei due ricercatori scomparsi Giulio Regeni e Valeria Solesin, che hanno realizzato in zona Monumentale. Giulio e Valeria, hanno scritto gli artisti sul loro profilo Instagram, "vivono nel Tempio".

L'opera, che rappresenta i volti dei due ragazzi morti in primo piano, vuole essere un omaggio ai giovani ricercatori: Giulio Regeni, il dottorando italiano dell'Università di Cambridge ucciso in Egitto nel 2016 dopo essere stato rapito e torturato, e Valeria Solesin, la ricercatrice italiana dell'Università Sorbona morta nel 2015, vittima dell'attentato terroristico al Bataclan di Parigi.

All'inizio di ottobre una nuova opera di street art aveva rinnovato la sede di 'Handicap su la testa' al Giambellino. A settembre, invece, un murale dalle tinte vivaci era comparso all'Idroscalo per ricordare l'importanza di tutelare l'ambiente

Potrebbe interessarti

  • A Milano gli rubano la bici con cui sta viaggiando per il mondo, l'appello: "Aiutatemi"

  • Intolleranza al lattosio: come riconoscerla

  • Come avere i finanziamenti per riqualificare energeticamente la casa a Milano

I più letti della settimana

  • Milano, donna accoltellata in pieno centro: fendenti alla gola con una bottiglia, è grave

  • Appena arrivato a Malpensa inizia a tremare: muore 28enne 'mulo' del narcotraffico

  • È morta Nadia Toffa, addio alla conduttrice de "Le Iene" che lottava contro il cancro

  • Morto il fumettista milanese AkaB, Gabriele Di Benedetto: aveva solo 43 anni

  • Milano, dramma davanti al Tribunale: donna precipita e muore mentre pulisce i vetri. Foto

  • Milano, dramma a Rogoredo: ragazza di 28 anni muore travolta da un treno in stazione

Torna su
MilanoToday è in caricamento