Milano, venduto il "Pirellino": gli ex uffici del Comune comprati da Coima per 175 milioni

Conclusa venerdì l'asta di palazzo Marino: via Pirelli 39 va a Coima dopo 85 rilanci

Coima si prende un altro pezzo di Porta Nuova. La società di Manfredi Catella - con "importanti" partecipazioni dal Qatar - si è aggiudicata all'asta il palazzo di via Pirelli 39, un tempo sede degli uffici comunali dell'Urbanistica e dei lavori pubblici.   

Proprio Coima, infatti, venerdì mattina ha vinto la battaglia all'ultimo rilancio - 85 quelli "chiamati" dai quattro partecipanti - e si è portata a casa il "Pirellino" per il prezzo record di 175 milioni di euro. Alla cifra - già di per sé mostruosa - vanno aggiunti altri 16 milioni e 618.888 euro che la società verserà per il diritto di superficie novantennale del parcheggio sotterraneo di piazza Einaudi. Somma totale incassata dal comune, quindi: 191,6 milioni di euro. 

Il successo dell’asta del cosiddetto Pirellino dimostra la crescita di valore della nostra città e mette a disposizione dei milanesi 191,618 milioni di euro – dichiara il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala –. Intendo essere molto chiaro sull’utilizzo di queste risorse: metà saranno utilizzate per nuove opere a servizio degli altri quartieri della città e il resto andrà a finanziare il progetto per i nuovi uffici del Comune di Milano. Infatti il 4 aprile si conclude la manifestazione di interesse relativa alle proposte per la nuova sede degli uffici che erano nel Pirellino e attualmente sono in affitto in via Bernina. La nostra volontà - conclude il primo cittadino - è di portare questi uffici in altri quartieri, contribuendo così al loro rilancio. La prospettiva finale, come contenuto nel Pgt, è di realizzare un distretto dedicato agli uffici comunali in zona Cenisio”.

Coima adesso dovrà indire un concorso internazionale di progettazione "per - sottolinea palazzo Marino - garantire un alto valore qualitativo all’intervento. L’immobile di via Pirelli 39, edificato negli anni ‘60, è inserito in un’area di grande sviluppo urbanistico e caratterizzata da elevata accessibilità al trasporto pubblico". 

Il "Pirellino" - 27mila metri quadrati, più altri 24mila di parcheggi - al momento è interessato da lavori di manutenzione straordinaria per la bonifica dell'amianto e la rimozione delle parti impiantistiche. I cantieri dovrebbero essere finiti a settembre. 

"L'asta del secolo consegna ai milanesi 193 milioni da investire per periferie e nuovi uffici - il commento di Pierfrancesco Maran, assessore all'Urbanistica -. Se pensiamo che solo 5 anni fa andò deserto un tentativo di vendita con permuta a 78 milioni è segno del cambiamento della città il fatto che oggi l'asta sia arrivata a 193 milioni e 600mila euro, ultima offerta di Coima che ha obbligo di fare un concorso internazionale di progettazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sono risorse importantissime per Milano e per i milanesi: significa che Porta Nuova finanzia ancora di più gli altri quartieri di Milano, perché la larga parte di queste risorse diventerà opere diffuse in tutta la città. Significa - continua Maran - anche per noi andare a investire, con gli uffici dell'urbanistica, in un nuovo quartiere da riqualificare: dopo il Pirellino infatti i nostri uffici sono in un palazzo in affitto e il 4 aprile si concluderà la ricognizione di mercato per prendere una nuova sede. L'obiettivo è che sia ben servita dalla metro e periferica, perché vogliamo essere elemento che contribuisce allo sviluppo di un altro quartiere, come è accaduto con Garibaldi Porta Nuova".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, mascherine gratis in Lombardia: ecco dove ritirarle, a Milano sono 900mila

  • "Sono affamato": l'Esselunga gli regala la spesa, e lui sputa in faccia al vigilante

  • Coronavirus, a Milano 411 nuovi positivi in 24 ore: "La curva dei contagi è preoccupante"

  • Coronavirus, a Milano continuano a crescere i contagi. Oltre 9mila morti in tutta la Regione

  • Coronavirus, per la Regione "dati confortanti" ma la crescita dei contagi (e dei morti) è senza fine

  • "Mi hanno licenziato, faccio una strage": la chiamata ai ghisa fa scattare l'allarme a Milano

Torna su
MilanoToday è in caricamento