Sesto, il sindaco regala i presepi alle scuole: "Valorizzare le tradizioni, non cancellarle"

Il sindaco Roberto Di Stefano ha personalmente consegnato i presepi ad alcune scuole

Il sindaco in una delle scuole

Un presepe in dono. Dal primo cittadino ai cittadini più piccoli. Il sindaco di Sesto San Giovanni, Roberto Di Stefano, ha deciso di regalare ad alcune scuole della sua città dei presepi per addobbare gli istituti in vista delle festività natalizie. 

A consegnare il "regalo" è stato lui stesso, che negli ultimi giorni ha compiuto il suo personalissimo tour di Natale tra bimbi e maestri. 

“Abbiamo chiesto la disponibilità ai dirigenti scolastici per portare un presepe a bambini e ragazzi in occasione del Natale e in questi giorni li sto personalmente consegnando nelle scuole - ha fatto sapere -. Credo che sia molto importante valorizzare i nostri simboli e le nostre tradizioni, anziché nasconderli o cancellarli come purtroppo tenta di fare qualcuno", ha poi detto riferendosi alle solite polemiche sull'opportunità o meno della presenza dei simboli del Natale nelle scuole. 

"Il Presepe rappresenta la Natività e non può dare fastidio a nessuno, qualsiasi religione si professi - ha commentato il sindaco di Sesto -. Rappresenta la nostra identità oltre a essere uno straordinario messaggio di pace e speranza. È stato molto emozionante incontrare insegnanti e alunni, tutti felici per questo regalo da parte dell’amministrazione. Evviva il Natale, evviva il Presepe”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Incidente a Trezzano, auto passa col rosso e si schianta con 2 macchine: 12enne gravissimo

  • Milano, incidente in via Trevi: Smart si ribalta e piomba dentro al negozio di kebab, un morto

  • Sete dopo la pizza? Ecco perchè ti viene

  • Gabriele e Risqi, morti nel tragico schianto in autostrada: la loro auto è finita sotto un tir

  • Mezzi, a Milano si attende in media 9 minuti ogni giorno; e ce ne vogliono 43 per arrivare a destinazione

Torna su
MilanoToday è in caricamento