Una donna mezza nuda per 'vendere' l'olio per auto: il comune rimuove la pubblicità 'sessista'

La pubblicità era stata affissa nel weekend in via Forlanini. Il comune: "Sarà rimossa"

La pubblicità

Affissa, criticata e rimossa. Ha avuto vita brevissima una pubblicità di un olio per auto affissa nello scorso weekend in viale Forlanini a Milano

Nel poster - doppio, in realtà - si vedeva una ragazza in body appoggiata a una macchina e accanto - colore nero, su sfondo nero - proprio l'olio da pubblicizzare con la scritta "lubrificanti e chimici per autotrazione". 

L'immagine e l'accostamento tra la donna ammiccante e il prodotto erano finiti immediatamente nel mirino degli iscritti della pagina Facebook "La pubblicità sessista offende tutti", che erano subito riusciti a portare il caso all'attenzione della consigliera comunale del Pd, Diana De Marchi. 

Lei stessa aveva ricordato agli iscritti la necessità di verificare che gli spazi fossero comunali, anche perché palazzo Marino - nell'ormai lontanissimo 2013 - aveva già approvato un codice di autoregolamentazione per evitare messaggi discriminatori e sessisti. 

E mercoledì è arrivato l'annuncio proprio della De Marchi: "Siamo intervenuti, grazie a chi mi ha fatto la segnalazione - ha annunciato -. Tra due giorni verrà rimossa grazie ad una efficace alleanza con Iap che ha fatto ingiunzione". Quello - ci ha tenuto a sottolineare la consigliera - "non è uno spazio del Comune".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Ovest: motociclista tamponato finisce oltre il guard rail e viene travolto, morto

  • Milanese "razzista" e "salviniana" non affitta ai "meridionali": l'audio diventa virale

  • Milano, militare pugnalato alla gola in Stazione Centrale da un passante che urla "Allah akbar"

  • Milano, paura in un cantiere a City Life: gru precipita dal 29° piano della Torre Libeskind

  • Milano, fumo nero e puzza di bruciato da Spontini in via Marghera: arrivano i pompieri

  • Milano, tenta di incassare il gratta e vinci rubato: beccato, in casa ne aveva altri 600

Torna su
MilanoToday è in caricamento