Freddo, Sala ai senzatetto: "Ci sono ancora posti nei dormitori, non restate all'aperto"

Aperto anche il mezzanino della metropolitana della Centrale. Disponibili 2700 posti letto

Sala senzatetto (da Facebook/Beppe Sala)

"Non dormite per strada in queste notti con questo freddo". Questo l'appello che il sindaco di Milano Beppe Sala ha rivolto ai senzatetto presenti al pranzo per gli auguri di Natale all'Opera Cardinal Ferrari, che si occupa di accogliere i clochard e dargli un pasto caldo.

"A Milano ci sono più o meno 2000 posti letto - ha poi raccontato il primo cittadino - e abbiamo ancora 200 letti liberi, per cui ho chiesto di accettare di dormire nei nostri centri e di aiutare chi rimane per strada".

Con un video pubblicato sul suo profilo Facebook, Sala ha poi chiesto anche a tutti i milanesi di segnalare le persone in difficoltà al numero creato ad hoc dal Comune: 02 8844 7646. Nel caso si noti la presenza di persone senza fissa dimora in strada, per evitare altre tragiche ed evitabili morti, è bene seguire alcune semplici indicazioni, prima tra tutte, appunto, quella di contattare il numero unico sempre attivo.

Per chi ha bisogno di un riparto è stato aperto il il mezzanino della metropolitana alla Stazione Centrale (linea verde). Potenziato inoltre l’orario di apertura del Casc, Centro aiuto di via Ferrante Aporti 3, che resta aperto dalle 9 alle 21 dal lunedì al venerdì e dalle 12 alle 21 il sabato, la domenica e nei festivi. Negli stessi orari, chiamando il numero 0288447645 si potranno richiedere informazioni sui servizi, le strutture residenziali, le unità mobili, i centri diurni, le mense e le docce pubbliche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le morti per il freddo

Dall'inizio della stagione autunnale a Milano hanno già perso la vita cinque persone a causa delle temperature rigide. Il 18 dicembre a morire è stato un clochard 51enne, che si trovava nella sala d'attesa della Stazione di Porta Genova. Il 16 dicembre un uomo tra i 50 e i 60 anni è morto al pronto soccorso del Fatebenefratelli, probabilmente sempre a causa del freddo. Il 13 dicembre, invece, un 61enne era stato trovato morto all'interno della sua auto, nel quartiere Stadera. A fine novembre, poi, un 67enne era deceduto per ipotermia all'Ospedale Sacco e un 47enne era morto di freddo su una panchina in zona Città Studi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • Spostamenti fuori regione dal 3 giugno: la Lombardia rischia di rimanere chiusa altre 2 settimane

  • Coronavirus, bollettino: altri 285 casi. "Nessun decesso segnalato" in Lombardia in un giorno

  • Esibizione Frecce Tricolori in Lombardia: video e immagini esibizione lunedì 25 maggio

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: continuano a salire i contagi +382

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia: 38 morti e +354 positivi, il 70% dei nuovi casi in Italia

Torna su
MilanoToday è in caricamento