Salvini cambia idea e 'difende' Mahmood: "Messo al centro di una storia non sua"

Salvini telefona a Mahmood e se la prende con la giuria di Sanremo. L'intervista

Salvini

La vittoria di Mahmood al 69esimo Festival di Sanremo sta facendo molto discutere. Nelle ultime ore, gli utenti hanno commentato anche il diverso parere di Matteo Salvini ed Elisa Isoardi (il primo scettico sulla vittoria di 'Soldi', la seconda entusiasta). Ma, a meno di 48 ore, dalla chiusura del Festival è proprio il vicepremier a compiere un gesto che punta a spegnere le polemiche.

Matteo Salvini chiama Mahmood

Matteo Salvini, come ha raccontato in un'intervista a La Stampa, si è fatto dare il numero di Mahmood e lo ha chiamato personalmente per complimentarsi con lui: "È un ragazzo di vent'anni, comincia adesso, mi sono informato sul suo percorso artistico e gli ho voluto dire direttamente che si deve godere la vittoria e che sono felice per lui"..

Poi, il ministro dell'Interno è tornato a parlare di quel 'Mah' postato su Twitter al momento della proclamazione di Mahmood come vincitore di Sanremo e ha sottolineato che, in realtà, non sia mai stato indirizzato al ragazzo, ma al fatto che abbia assistito ad "un Festival di Sanremo deciso da un salotto radical chic". Sempre nell'intervista a La Stampa, il vicepremier ci ha tenuto a sottolineare che a Mahmood sia stata attribuita una storia non sua: 

"È un ragazzo italiano che suo malgrado è stato eletto a simbolo dell'integrazione, ma lui non si deve integrare, è nato a Milano. Lo hanno messo al centro di una storia che non gli appartiene".

Matteo Salvini contro la giuria d'onore

La polemica di Matteo Salvini, a questo punto, è virata verso la giuria d'onore del Festival di Sanremo: "Una giuria senza senso, mancava solo mio cugino e sarebbe stata completa - ha detto il vicepremier - come se mi chiamassero ad attribuire il Leone d'Oro. Sanremo deciso da un salotto radical chic".

Salvini ce l'ha con la giuria, ma non con i giornalisti che hanno votato dalla sala stampa: "È giusto, sono lì per quello, valutare le canzoni. Invece, il volere della gente che ha pagato per esprimersi è stato stravolto dalla giuria d'onore. Prendiamo Loredana Berté, non so per chi voti ma a me piace. Lo Stato Sociale mi mette allegria".

Matteo Salvini su 'Soldi': Non vorrei ci fossero altri interessi"

Tornando sulla canzone di Mahmood, Matteo Salvini ha evidenziato alcune perplessità, non inerenti alle origini egiziane del ragazzo: "Oggi leggevo i commenti della gente, al 90% erano perplessi. Non vorrei ci fossero dietro altri interessi economici, qui si smuovono milioni", ha detto a La Stampa. Poi, quasi a difendere la reazione di Ultimo, Salvini ha ancora aggiunto: "Ma io lo capisco, finisce con l'amaro in bocca, un rigore al novantesimo. E mi dispiace perché una marea di gente scrive che l'han fatto per fare un dispetto a me. E questo non va bene". Ma è convinto che, comunque, il cantante romano avrà il suo successo. Infine, glissando il commento della Isoardi, il vicempremier ha concluso: "Non commento. Ho 46 anni e non commento. Che questo ragazzo, per il quale mi sono sentito in torto tanto da chiamarlo sia stato usato dalla sinistra, ci sta. Chi mi conosce potrebbe osservare un rispettoso silenzio".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • gli italiani vengono sempre definiti m....si dimentichi? Doveva vincere lui per tirare il buonismo dell'integrazione

  • ascoltando la canzone di mahmood a occhi chiusi mi sembra di vivere in una situazione sudorientale collocandomi tra l'algeria e la turchia, le sonorità e musicalità infatti sono tipiche di questi paesi....quindi mi sembra addirittura proprio fuori luogo la presenza di un brano con contaminazioni extraetniche in un concorso musicale prettamente italiano. Quindi non solo non avrebbe dovuto vincere ma non avrebbe dovuto neanche partecipare!! SIAMO IN ITALIA E VOGLIAMO PREMIARE MUSICA ITALIANA! quindi cosa sta succedendo? 1)....accogliamo con benevolenza altre etnie e loro ci obbligano a togliere i crocifissi dalle pareti; 2) diamo spazio a stili di vita e mode (la barba per esempio) e tutti somigliamo a sudorientali; 3) diamo spazio a forme di comunicazione (musica e linguaggi urbani) e ci trasformiamo in sudorientali ....sta succedendo che il vero italiano non esiste PIù....siamo una massa di pecoroni o come meglio dice vittorio sgarbi...CAAAAPREEEEE.... L'ITALIA NON ESISTE PIU'....E' ORMAI UN PROLUNGAMENTO DELL'AFRICA non si rispettano più le leggi e non si fa in modo che esse vengano rispettate.... ....quindi le prime capre sono il GOVERNO CHE NON HA LA VERA FORZA DI IMPORRE UN CARATTERE NAZIONALE.... ....non sono un nazionalista.... ma se al mondo ci si identi****** per origini... per esempio: i greci....profilo greco i cinesi...superproduttivi i giapponesi....cervelloni i tedeschi....fanno le cose per bene gli svedesi....libertini ...per non dilungarci.... ...gli italiani????...ormai non ci è rimasto più niente di caratteristico...solo il caffè... .....MEDITATE GENTE...MEDITATE

    • Premesso che sono più preoccupata dalla pressione fiscale che continuiamo flebilmente a subire e non da chi a vinto il festival di San Remo, ammetto che ho dovuto spiegare al piccolo della famiglia, che Nino D'Angelo cantava in un dialetto meraviglioso che è il napoletano. Per Mahmood non ha avuto bisogno di chiarimenti.

Notizie di oggi

  • Politica

    Il sindaco Beppe Sala fuori dal Palasharp: "Qui a Milano una moschea deve esserci". Video

  • Incidenti stradali

    Lascia una ragazza morta dopo lo schianto, fugge e manda il padre: fermato il "pirata"

  • Cronaca

    Manifestanti "morti" a terra in piazzale Loreto: la protesta contro i Cpr e Matteo Salvini. Video

  • Cronaca

    Milano, in giro in metro con "pistola" e coltello per rapinare coetanei: nei guai due ragazzini

I più letti della settimana

  • Mobili "rubati" o venduti a parenti con i prezzi falsi: maxi truffa da Ikea, 30 lavoratori nei guai

  • Milano, tragedia sfiorata nella fermata metro a Loreto: cede gradino della scala mobile

  • Milano, l'ex concorrente del Gf minacciato in stazione Centrale: "Aggredito per la droga"

  • Incidente a Vignate, schianto frontale sulla provinciale: ragazza morta, altre due gravissime

  • Incidente su A4, tragico schianto tra due camion: un morto e tre feriti

  • Lascia una ragazza morta dopo lo schianto, fugge e manda il padre: fermato il "pirata"

Torna su
MilanoToday è in caricamento