Salvini in versione 'beach boy, al mare contro Carola': l'opera sul Naviglio Grande

Ad affiggerla su un muro lungo il Canale l'artista Cristina Donati Meyer, che già in passato aveva firmato altre provocazioni analoghe

Salvini in versione beach boy 8

Salvini con pantaloncini e canottiera verde intento a fare castelli di sabbia in spiaggia. È la nuova opera affisa sul Naviglio Grande firmata Cristina Donati Meyer. 

"Estate folle, di odio e di stretta politica liberticida, con il cosiddetto 'Decreto sicurezza bis' e con gli attacchi violenti alla Capitana della Sea Watch, Carola Rackete, che ha osato far sbarcare 40 naufraghi dopo 16 giorni in mare nell’attesa di un 'porto sicuro' - scrive l'artista -. Il ministro dell’Interno gioca la propria perenne campagna elettorale disumana sulla pelle di una manciata di naufraghi e lancia accuse folli a magistratura, ad una giovane donna, all’Europa".

'Beach Boy', questo il titolo dell'immagine di Meyer, è affissa su un muro lungo il Naviglio Grande e rappresenta Salvini come un bambino che gioca in spiaggia con una ruspa giocattolo. Sullo sfondo si vedono le mani di tanti migranti tra le onde del mare e un barcone carico di profughi. L'artista alcuni mesi fa aveva rappresentato Salvini come un bimbo intento a giocare con lo smart phone. L'opera, intitolata 'Selfini' voleva proporre una riflessione "sull’abuso dei social da parte del Ministro", come scrive la stessa Meyer.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Ovest: motociclista tamponato finisce oltre il guard rail e viene travolto, morto

  • Milanese "razzista" e "salviniana" non affitta ai "meridionali": l'audio diventa virale

  • Milano, militare pugnalato alla gola in Stazione Centrale da un passante che urla "Allah akbar"

  • Milano, paura in un cantiere a City Life: gru precipita dal 29° piano della Torre Libeskind

  • Milano, fumo nero e puzza di bruciato da Spontini in via Marghera: arrivano i pompieri

  • Milano, tenta di incassare il gratta e vinci rubato: beccato, in casa ne aveva altri 600

Torna su
MilanoToday è in caricamento