"La festa non si vende": sciopero dei lavoratori contro i negozi aperti a Capodanno

Ancora proteste dei lavoratori del commercio contro i negozi aperti nelle festività

Foto repertorio

Non si ferma la protesta dei lavoratori del commercio. Dopo la rabbia e le agitazioni di Natale e Santo Stefano, i sindacati di settore di Cgil, Cisl e Uil hanno proclamato altre due giornate di sciopero a livello nazionale per Capodanno e l’Epifania "contro la liberalizzazione degli orari e delle aperture voluta dalla legge Monti con il Salva Italia".

"Il governo aveva promesso la modifica della Legge Monti con l'individuazione delle festività con l’obbligo di chiusure per tutti e la reintroduzione della chiusura per le domeniche - affermano Filcams, Fisascat e Uiltucs -. Eccoci di nuovo alle festività natalizie, ma nulla è cambiato. Noi diciamo ‘no al sempre aperto’, il commercio non è un servizio essenziale”.

Così, dopo la protesta pre natalizia - quando i sindacati avevano sottolineato che obbligare i dipendenti a lavorare è "illegittimo" - adesso i sindacati chiedono che il governo recepisca finalmente la loro proposta unitaria presentata in Commissione Lavoro. 

Le stesse sigle, si legge in una nota, sottolineano quanto molte sentenze hanno sancito: “Il lavoro nelle festività civili e religiose individuate dal Contratto nazionale non è un obbligo. Il lavoratore - concludono - non può essere comandato al lavoro senza il proprio consenso. La festa non si vende".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bareggio, trovato morto l'anziano che si era perso in campagna dopo l'incidente

  • Sete dopo la pizza? Ecco perchè ti viene

  • Incidente a Trezzano, auto passa col rosso e si schianta con 2 macchine: 12enne gravissimo

  • Gabriele e Risqi, morti nel tragico schianto in autostrada: la loro auto è finita sotto un tir

  • Milano, tentato suicidio in metro: donna si lancia sui binari della rossa, ferma la M1

  • Milano, tragedia nel cantiere della metro M4: Raffaele, l'uomo morto schiacciato dai detriti

Torna su
MilanoToday è in caricamento