Smog, Milano e Torino al top mondiale per morti premature a causa dell'inquinamento

Il dato di uno studio appena pubblicato dall’International Council on Clean Transportation (ICCT)

Repertorio

Milano e Torino sono le prime due aree urbane al mondo per numero di morti premature ogni 100.000 abitanti attribuibili all’inquinamento atmosferico causato dai trasporti. Il dato, relativo al 2015, è contenuto in uno studio appena pubblicato dall’International Council on Clean Transportation (ICCT): “A global snapshot of the air pollution-related health impacts of transportation sector emissions in 2010 and 2015”.

Entrambe le aree urbane figurano anche nell’elenco delle cento aree urbane al mondo con il maggior numero di decessi per inquinamento atmosferico imputabili ai trasporti nel 2015 in termini assoluti: Milano al ventiduesimo posto e Torino al settantacinquesimo. Lo rivela in una nota Cittadini per l’Aria onlus.

Secondo lo studio di ICCT, l’organizzazione che con il suo lavoro ha fatto scoprire lo scandalo Dieselgate, una stima di 385mila morti premature nel 2015 è attribuibile alle emissioni dei gas di scarico dei veicoli e, in particolare alla porzione degli inquinanti da traffico rappresentata da polveri sottili (PM2.5) ed ozono.

L’Italia figura al nono posto tra gli stati con il maggior numero di decessi prematuri in termini assoluti. Tra i vari mezzi di trasporto, i veicoli diesel su strada sono i maggiori responsabili dell’inquinamento e gli impatti sanitari, soprattutto in Europa. In Italia, in particolare, 66% delle morti premature da inquinamento da traffico sono riconducili ai gas di scarico dei veicoli diesel su strada.

Smog: ricorso contro la Regione Lombardia

Lo studio stima, inoltre che, insieme, le concentrazioni di PM2,5 e di ozono derivanti dalle emissioni dei trasporti hanno causato la perdita di 7,8 milioni di anni di vita e circa 1 trilione di dollari (2015 US$) di danni alla salute a livello globale nel 2015. Lo scorso novembre, Cittadini per l’Aria, con il supporto di ClientEarth, ha proposto al TAR della Lombardia un ricorso contro la Regione Lombardia affinché integri al più presto con nuove e più incisive misure la pianificazione sull’aria e, in particolare, il Piano Regionale degli Interventi per la qualità dell’Aria (PRIA).

La causa sarà discussa al TAR della Lombardia durante l’udienza del 12 marzo prossimo. “I dati presentati da questo studio rivelano che le città italiane hanno un problema gravissimo con l’inquinamento da traffico e, in particolare, i gas di scarico dei veicoli diesel. È assolutamente necessaria un’inversione di rotta. Attendere fino al prossimo campanello di allarme non è più un’opzione”, ha dichiarato Ugo Taddei, avvocato di ClientEarth responsabile del progetto Clean Air dell’organizzazione europea.

“Questo studio dimostra quanto sia essenziale governare il traffico per ridurlo. Di ciò è consapevole la popolazione, che sta accogliendo in maniera favorevole il provvedimento Area B del Comune di Milano, che va nella direzione giusta. Manca invece ai valori etici essenziali della buona politica chi oggi, come Regione Lombardia, invece che sostenere con collaborazione fattiva le nuove misure a protezione della salute pubblica, cavalca per fini politici gli interessi di pochi rumorosi contro quelli dei più che, ogni anno silenziosamente, subiscono il danno che discende della cattiva qualità della nostra aria”, ha dichiarato Anna Gerometta, presidente di Cittadini per l’Aria.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (12)

  • Avatar anonimo di Federico C
    Federico C

    Mi sa di sola cone lanalisi costi/benefici tav, che da i risultati che chi la richiede vuole

  • Avatar anonimo di Federico C
    Federico C

    Adesso devono inventarsi qualcosa per nascondere che areaB non ha risolto nulla, i valori restano alti pure con le auto da euro4 diesel in giu.

  • Avatar anonimo di Federico C
    Federico C

    ecco adesso col nuovo terrorismo mediatico bloccheranno pure i passeggini dei bebè

  • in contrasto con il fatto della longevità,in questi ultimi mesi di queste classifiche ne ho lette fin troppe,poco tempo fa eravamo ai vertici per la migliore qualità della vita

    • Avatar anonimo di Federico C
      Federico C

      vanno in base al vento, alla comodità, al partito che le commissiona....

  • come hanno scritto in tanti il motivo principale sono i riscaldamenti.. ed in particolare i riscaldamenti inutili tipo i negozi del centro con 45 gradi e le porte spalancate pure a natale... senza contare che solo a milano ci sono circa 8000 appartamenti di edilizia popolare sfitti e lamierati con i riscaldamenti accesi. Lo dico con cognizione di causa in quanto tempo fa feci il corso per amministratore e finì in un mega complesso popolare che aveva questa caratteristica, poi venni spostato in un altro e stessa roba...

    • Avatar anonimo di Federico C
      Federico C

      infatti, sai quante caldaie a gasolio ancora bruciano? e i forni a legna, le caldaie a pellet che non hanno catalizzatori e filtri e scaricano fumi senza controlli?

  • Viviamo in un paese prevalentemente caldo. Dal nord al sud dovremmo usufruire de mi pannelli solari...... Piccolo problema...... abbiamo un governo ignorante che spende soldi in cose inutili.

    • hanno aumentato gli incentivi, sei una fake news

  • Primo: non esiste nessuna ricerca che dica esplicitamente che c'è un rapporto causa effetto. Ci sono modelli che stimano che queste cose siano concause. Se condo l'ISPRA solo il 10% del pm PRESENTE è dovuto al traffico veicolare (e con questo si intende tutti i mezzi, diesel, benzina, tir, elettrici, biciclette visto che la metà di questo PM èprodotto non da combustione ma da freni e organi di rotolamento). Inoltre la procedura di infrazione è e stata emessa sui 2/3 dei paesi, cioè quelli in cui c'è meno vento. La regione Lombardia è quella che in europa ha migliorato i valori degli inquinanti in misura due volte superiore a tutte le altre zone.

  • Peccato che le informazioni non siano corrette. La maggior causa di inquinamento non sono le auto bensì il riscaldamento! Sostituiamo le caldaie e i serramenti per avere risparmio energetico!

    • entrambe sono causa di particolato, e il metano non risolve totalmente il problema.

Notizie di oggi

  • Incendi

    Incendio a Cinisello Balsamo, appartamento in fiamme: 2 uomini ustionati, sono gravissimi

  • Cronaca

    Uccide di botte la moglie per gelosia e fugge in Italia: killer preso mentre mangia alla Caritas

  • Cronaca

    'Mi ha legato, picchiato e stuprato': la denuncia shock di una ragazza, una turista di 26 anni

  • Cronaca

    Incubo finito: ritrovato il 16enne scomparso da Assago, era a Milano con la sua fidanzatina

I più letti della settimana

  • Omicidio a Milano, bimbo di 2 anni ucciso di botte in via Ricciarelli: padre in fuga per ore

  • Alba di sangue a Milano, ragazzo accoltellato al culmine di una rissa fuori dalla discoteca

  • Volo Alitalia Milano-New York riatterra dopo pochi minuti a Malpensa

  • Terremoto vicino a Milano, registrata scossa di magnitudo 2.5 a Robecco sul Naviglio

  • Legnano, donna investita e uccisa da un treno in stazione: circolazione in tilt e ritardi

  • Morto a 15 anni per un malore Maicol Lentini, ex promessa dell'Inter

Torna su
MilanoToday è in caricamento