Milano, apre il nuovo Starbucks in centro: e l'anno prossimo arriva in Centrale

"Soft opening" lunedì pomeriggio e martedì l'inaugurazione vera e propria. Le foto

Il nuovo Starbucks - Foto © Melley

C'è la Sirena. C'è l'insegna, inconfondibile. E c'è lui, il simbolo della catena, il Frappuccino. 

Ha inaugurato lunedì pomeriggio - anche se solo ufficiosamente - il nuovo Starbucks di Milano. Il locale - che ha preso il posto di DMail tra corso Garibaldi e piazza XXV aprile - ha aperto ufficialmente i battenti alle ore 15 per un "soft opening", che è terminato alle 19. 

Martedì mattina 20 novembre, alle 7.30, sarà poi la volta dell'apertura vera e propria, con il bar - il secondo meneghino del colosso di Seattle - che resterà aperto fino alle 21.

Si tratta del secondo capitolo di un piano a lungo respiro che prevede un lento ma costante aumento delle caffetterie yankee nel nostro Paese. Prima il consolidamento a Milano: entro primavera, con ogni probabilità ne apriranno un'altra in Stazione Centrale e in Citylife. Poi 10-15 aperture ogni anno con focus, oltre che sui centri città, anche sui luoghi di viaggio, come aeroporti e stazioni, e centri commerciali. Dopo: Roma, Firenze, Bologna Venezia, Padova, Verona e Torino. L’investimento è stato finora tra i 500mila e i 700mila euro, a seconda della dimensione dello store.

"È andato tutto molto bene, c'è sempre stata molta gente - ha esultato a MilanoToday Laila Fossati, marketing manager di Starbucks Italia -. Siamo contenti perché la gente che ha visto che eravamo aperti, è entrata a provare. Anche in tanti che ci vedevano lavorare nei giorni scorsi e che ci chiedevano quando avremmo aperto, oggi sono venuti". 

Frappuccino e... un altro Starbucks a Milano

Il nuovo Starbucks - cinque vetrine su corso Garibaldi e un dehor su piazza XXV aprile - è all'insegna della tradizione. Quindi - accanto al caffè, 1.30 euro, e al cappuccino, 1.80 euro - è sbarcato finalmente a Milano anche il Frappuccino, vera icona della catena che invece non viene servito nell'altro bar milanese griffato Starbucks

E la Sirena non ha intenzione di fermarsi. Dopo la Roastery e il punto vendita di corso Garibaldi - ai quali va aggiunto il bar di Malpensa - da Seattle hanno già scelto il terzo "luogo del cuore" in pieno centro città. Un altro locale - stando a quanto appreso da MilanoToday - aprirà infatti in via Durini, a due passi da piazza del Duomo. Anche quello dovrebbe seguire la tradizione che ha reso celebre la Sirena. E che sembra avere tanto successo anche sotto la Madonnina.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (22)

  • Hai un problema e la banca ha rifiutato di aiutare vi prego di contattarmi vogliamo che le persone responsabili, uomo serio a cui possiamo riporre la nostra fiducia Grazie e stiamo aspettando le vostre richieste

  • Hai un problema e la banca ha rifiutato di aiutare vi prego di contattarmi vogliamo che le persone responsabili, uomo serio a cui possiamo riporre la nostra fiducia Grazie e stiamo aspettando le vostre richieste

  • Veramente deludente leggere i commenti di alcuni che - anno domini 2018 - si lamentano ancor adelle multinazionali e del prezzo della tazzina: prima di tutto Starbucks è made in Usa. Quindi "mononazionale". Secondo: se è troppo caro, andate altrove come farò io. Il fatto che un'azienda così investa a Milano dovrebbe far fare i salti di gioia a tutti, anche a chi non ci metterà mai piede (a iniziare da quelli di sinistra, sempre pronti a un NO a tutto)

    • intanto starbucks non è solo made in USA visto che producono anche qui a Milano il caffè, tostandolo e confezionandolo, ma vabeh è solo un dettaglio, sta di fatto che solo quel locale da lavoro ad una marea di persone

      • Forse dovresti leggere meglio quello che ho scritto senza alterarti: hai scritto quello che dico io

        • non ho scritto alterandomi (che poi come avresti capito che mi sono alterato devi spiegarmelo) poi tu hai scritto che starbucks è "mononazionale" (l'hai scritto tu eh, non io) ho solo ripetuto quanto hai scritto dopo [e comunque senza alterarmi (ma come si capisce quando uno si altera da una frase scritta senza turpiloquio?)]

          • Te l'ho letto in faccia. Sono nato prima di te

            • ahhh beh allora...

  • Purtroppo prevedo un adeguamento dei bar milanesi a imitazione della multinazionale... sopratutto nell'aumento indiscriminato dei prezzi dell'espresso e del cappuccino

  • Milano uguale alle altre.

  • a 1.30 il caffè americano se lo bevono loro...

    • 1.30 non è il caffè americano... non spariamo sentenze a random ancor prima di aver capito di cosa si sta parlando

    • Non mi pare che ti obblighino a berlo. Alla faccia della libertà, vero?

  • se ti va lo bevi se no non lo bevi

    • Esatto!

  • Il frappuccino... roba da stroglioni

    • Ma quanto il tuo profondo commento di sinistra

      • Non appena comprenderò il signi******to del sup commento, sarò d'accordo con lei

        • Il mio commento conteneva un refuso. La prima parola era "mai" e non "ma". Detto questo, dire "roba da stroglioni" identi****** perfettamente uno status sinistro. E lo dice uno che non berrà mai 'sta brodaglia, anche se in passato mi è capitato di metter piede in uno Starbucks e mi è capitato di gradire le bevande

          • Ora è chiaro. Ho diverse ideologie politiche rispetto a quelle che mi indica. La mia battuta che riprende la crasi di due termini nasce dal fatto che mal sopporto ila vista di persone che fanno la fila per cose vacue come un frappuccino o un telefonino, e che non riescono ad appagare il prorio ego dedicandosi ad altro. E invidio costoro perche hanno il dono del tempo. Spero che ora trovi più gradevole il mio commento

            • Molto più gradevole. Resta il fatto che finché c'è gente che fa la coda per un frappuccino, per un cellulare, per un orsetto peloso o per una bambola gonfiabile vorrà dire che i soldi girano. Ribadisco: lei è di sinistra. Si vede.

              • Il voto è segreto, ma se gradisce voto meloni

Notizie di oggi

  • Lorenteggio Giambellino

    Occupavano case Aler per gli 'amici', 9 arresti: "Agivano per giustizia sociale, mai per soldi"

  • Sport

    Video gol e highlights Olympiacos-Milan 3-1 in Europa League: rossoneri eliminati

  • Politica

    Il Leoncavallo chiede ancora la regolarizzazione. Pirovano (Mp): "Arrivarci entro fine mandato di Sala"

  • Incidenti stradali

    Milano, ciclista travolto da pirata della strada all'alba e lasciato sull'asfalto: morto 28enne

I più letti della settimana

  • Incidente sull'A8, camion si schianta, sfonda guard rail e finisce nella carreggiata opposta

  • Incidente a Corsico, auto travolge le persone in attesa del bus: tre feriti, 23enne gravissimo

  • Tragedia al concerto del trapper milanese Sfera Ebbasta: sei morti e otto feriti gravi

  • Fabrizio Corona aggredito al bosco della droga di Rogoredo

  • Mega incidente sull'A4, coinvolti 4 camion e 2 auto: autostrada chiusa e coda di oltre 15 km

  • Tangenziale Ovest di Milano chiusa per un mese nel tratto tra l'Autostrada 8 e Rho

Torna su
MilanoToday è in caricamento