Università e carcere: dalla Bicocca studenti-tutor per i detenuti

L'iniziativa "adotta un detenuto" rivolta agli studenti della Bicocca

Non tutti lo sanno, ma tra le attività disponibili per i carcerati milanesi c'è anche un servizio di tutoraggio per i detenuti iscritti in università, che giocoforza studiano in solitudine e non "vivono" l'ambiente d'ateneo.

E' dal 2013 che l'Università Bicocca "entra" in carcere attraverso i suoi studenti, con un progetto denominato "adotta un detenuto per studiare insieme". Il servizio si rivolge alle case di reclusione di Opera e Bollate e si configura come "accompagnamento allo studio" per i detenuti iscritti alla Bicocca, fornito da studenti selezionati ogni anno con un apposito bando.

Nel blog della Bicocca è apparsa una intervista a una delle studentesse e degli studenti impegnati in questo progetto, Ylenia Cavallo, al terzo anno di Giurisprudenza. "Un'ottima opportunità - afferma - per conoscere una nuova realtà, quella carceraria, che molto spesso è trascurata da chi non la vive in prima persona".

Gestione dello studio e sostegno alla didattica

Cavallo si reca a Bollate almeno una volta alla settimana, ma anche di più. I tutoraggi sono svolti in aule apposite, all'interno della struttura penitenziaria, adibite a questo. "Sono un intermediario tra lo studente/detenuto e l'università. Principalmente fornisco loro il materiale didattico e gestisco la prenotazione degli esami. Ma fornisco anche loro un sostegno di studio, perché ad alcuni non è concesso di avere un confronto diretto col professore", spiega Cavallo.

Gli incontri durano da una a due ore. E l'iniziativa si trasforma in qualcosa di vantaggioso anche per lo studente: "Mi ha dato l'opportunità - chiarisce Cavallo - di accrescere le mie conoscenze sul diritto penale, la procedura penale e il diritto penitenziario. E a livello umano mi ha permesso di approfondire la conoscenza dello studente/detenuto al di là della ragione per la quale si trova all’interno delle mura carcerarie". Una esperienza che lascia il segno, perché la speranza della studentessa è di continuare a occuparsi dei detenuti anche più avanti, nel percorso professionale e personale. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incendi

    Incendio a Cinisello Balsamo, appartamento in fiamme: 2 uomini ustionati, sono gravissimi

  • Incidenti stradali

    Incidente in via Tosi, Bmw "vola" sulla rotonda e si ribalta: un uomo in coma, un altro grave

  • Attualità

    'Fridays for future', Milano torna in piazza per salvare il pianeta: il percorso del corteo

  • Affori Bruzzano

    Enorme sciame d'api ricopre una finestra in via Sant'Arnaldo a Milano: apicoltore in azione

I più letti della settimana

  • Omicidio a Milano, bimbo di 2 anni ucciso di botte in via Ricciarelli: padre in fuga per ore

  • Milano, aggredisce i poliziotti con un coltello: "Vi sgozzo, paese di me...", 23enne arrestato

  • Alba di sangue a Milano, ragazzo accoltellato al culmine di una rissa fuori dalla discoteca

  • Volo Alitalia Milano-New York riatterra dopo pochi minuti a Malpensa

  • Terremoto vicino a Milano, registrata scossa di magnitudo 2.5 a Robecco sul Naviglio

  • Legnano, donna investita e uccisa da un treno in stazione: circolazione in tilt e ritardi

Torna su
MilanoToday è in caricamento