Tagli ai trasporti pubblici per 3 milioni, 82 sindaci in rivolta. La Regione: 'Ridistribuzione'

I sindaci dei comuni del milanese hanno scritto una lettera all'assessore Claudia Maria Terzi

Una lettera firmata da 82 sindaci di ogni schieramento politico. L'obiettivo? Chiedere alla Regione di rivedere i tagli alle risorse destinate all'agenzia del trasporto pubblico locale.

I primi cittadini, infatti, hanno espresso preoccupazione per la riduzione dei fondi che hanno come effetto immediato quello di tagli e, in prospettiva, mette a rischio l'obiettivo dell'Agenzia di realizzare l'aumento previsto (in media del 17%) dei servizi erogati in tutta la Città Metropolitana. La richiesta, rivolta all'assessore ai trasporti e mobilità di regione Lombardia Claudia Terzi e a tutta la giunta regionale, "è quella di intervenire al più presto per scongiurare una riduzione delle corse, le cui conseguenze sarebbero pagate dai pendolari che ogni giorno si spostano per motivi di studio o lavoro", hanno messo nero su bianco i sindaci.

I tagli, secondo quanto reso noto, ammontano a circa 3,4 milioni di euro per il 2020 e arriveranno a 17,8 nel 2025.

La replica dell'assessore Terzi

Sul caso è intervenuta l'assessore Terzi con una nota: "La Regione Lombardia trasferirà quest'anno all’Agenzia del Tpl di Milano 417,7 milioni di euro su un totale regionale disponibile pari a 629 milioni. Rispetto allo scorso anno, 3 milioni vengono redistribuiti alle Agenzie di Tpl di altre province lombarde, in ragione dei costi standard che regolano in maniera oggettiva parametri di efficienza e raggiungimento di obiettivi. Milano, però, e il fatto è tutt'altro che irrilevante, può recuperare questa cifra rinunciando a una minima parte dei maggiori introiti garantiti dalla tariffazione integrata. Maggiori entrate che, per Milano, ammontano a oltre 50 milioni di euro. Gli amministratori del capoluogo lombardo, come alternativa, possono rivolgersi al Governo giallorosso, chiedendogli di garantire i finanziamenti che spettano alla Lombardia. Ricordo infatti che la nostra Regione muove quasi il 24% dei passeggeri a livello nazionale, ma ottiene risorse solo per il 17%".

“Aggiungo - ha proseguito Terzi -  che Milano sapeva da 3 anni che i fondi disponibili sarebbero stati ripartiti in modo diverso a partire dal 2020, seguendo appunto i criteri oggettivi dei costi standard. La riforma è stata definita nel 2017 al termine di un articolato percorso di confronto con i portatori di interesse. La Lombardia è la Regione che investe di più nel trasporto pubblico locale e più volte negli anni siamo intervenuti per sopperire ai tagli dei Governi, tant’è che il sistema sarebbe già imploso nel 2016 se non fosse intervenuta la Regione rimediando alle gravi mancanze dello Stato centrale. Prendersela con la Regione, peraltro quando Milano ha in pancia un tesoretto milionario, significa ricorrere allo scaricabarile nel tentativo di nascondere la propria incapacità di programmazione”.

Tutti i sindaci che hanno firmato la lettera

Fabio Crivellin - Albairate, Michela Palestra - Arese, Moreno Agolli - Arluno, Luca Elia - Baranzate, Douglas De Franciscis - Basiano, Lidia Annamaria Reale - Basiglio, Angela Comelli - Bellinzago Lombardo, Maria Pia Colombo - Bernate Ticino, Francesco Vassallo - Bollate, Riccardo Benvegnu - Binasco, Patrizia Gentile - Bubbiano, Curzio Rusnati - Bussero, Rino Pruiti - Buccinasco, Susanna Biondi - Busto Garolfo, Giuseppe Gandini - Calvignasco, Roberto Colombo - Canegrate, Paolo Branca - Carpiano, Silvana Cantoro - Casarile, Roberto Maviglia - Cassano d’Adda, Michele Bona - Cassinetta di Lugagnano, Giuseppe Pignatiello - Castano Primo, Ermanno Zacchetti - Cernusco sul Naviglio, Marco Sassi - Cerro al Lambro, Alfredo Simone Negri - Cesano Boscone, Yuri Santagostino - Cornaredo, Francesca Iacontini (comm. pref.) - Corsico, Giovanni Luciano Triulzi - Cusago, Paola Rolfi - Dairago, Vito Penta - Dresano, Sergio Perfetti - Gaggiano, Lucia Mantegazza - Gessate, Angelo Stucchi - Gorgonzola, Omar Cirulli - Gudo Visconti, Sara Bettinelli - Inveruno, Antonella Violi - Lacchiarella, Andrea Tagliaferro - Lainate, Lorenzo Fucci - Liscate, Davide Serrano - Locate di Triulzi, Carla Picco - Magnago, Pamela Tumiati - Masate, Rodolfo Bertoli - Melegnano, Antonio Fusé - Melzo, Giuseppe Sala - Milano, Marco Natale Marelli - Morimondo, Primo Paolo De Giuli - Motta Visconti, Roberto Colombo - Nosate, Daniela Maldini - Novate Milanese, Nadia Verduci - Noviglio, Guglielmo Villani - Ozzero, Ezio Casati - Paderno Dugnano, Franco Abate - Pantigliate, Federico Lorenzini - Paullo, Maria Rosa Belotti - Pero, Caterina Molinari - Peschiera Borromeo, Paolo Festa - Pieve Emanuele, Ivonne Cosciotti - Pioltello, Roberto Botter - Pozzo d’Adda, Silvio Giuseppe Maria Lusetti - Pozzuolo Martesana, Angelo Bosani - Pregnana, Gilles Ielo - Rescaldina, Pietro Romano - Rho, Giorgio Braga - Robecchetto con Induno, Roberta Maietti - Rodano, Daniele del Ben - Rosate, Andrea Checchi - San Donato Milanese, Arianna Tronconi - San Zenone al Lambro, Angelo Cipriani - Sedriano, Paolo Micheli - Segrate, Andrea Carlo - Settala, Sara Santagostino - Settimo Milanese, Nilde Moretti - Solaro, Diego Cataldo - Trezzano Rosa, Fabio Bottero - Trezzano sul Naviglio, Franco De Gregorio - Truccazzano, Guido Sangiovanni - Vanzago, Andrea Cipullo - Vermezzo con Zelo, Carmela Manduca - Vernate, Paolo Gobbi - Vignate, Alessandro Barlocco - Villa Cortese, Dario Veneroni - Vimodrone, Luisa Salvatori - Vizzolo Pedrabissi, Sonia Belloli - Zibido San Giacomo.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

  • "Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale"

Torna su
MilanoToday è in caricamento