Battisti in Italia, ma tre ex terroristi milanesi rimangono all'estero: chi sono

Sergio Tornaghi, Maurizio Baldessenori e Oscar Tagliaferri restano latitanti

Processo a brigatisti per sequestro di Aldo Moro (foto Wikipedia)

Dopo essere stato arrestato in Bolivia, l'ex terrorista Cesare Battisti è arrivato in Italia, dove "dovrà scontare la sua pena per i gravi crimini di cui si è macchiato", come ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Nel frattempo, però, sono decine i latitanti, rossi e neri, che rimangono all'estero. Tra di loro anche tre milanesi: Sergio Tornaghi, Maurizio Baldessenori e Oscar Tagliaferri.

Chi sono i terroristi latitanti di Milano

Sergio Tornaghi militava nella colonna milanese delle Brigate Rosse 'Walter Alasia' ed è stato condannato all'ergastolo per partecipazione a banda armata. L'uomo vive da decenni in Francia, dove è stato protetto a lungo, così come altri ex terroristi, dalla 'Dottrina Mitterand', introdotta dal presidente François nel 1982. In base a questa politica del diritto d'asilo, il paese può valutare "la possibilità di non estradare cittadini di un Paese democratico autori di crimini inaccettabili", nel caso di richieste avanzate da Paesi "il cui sistema giudiziario non corrisponda all'idea che Parigi ha delle libertà".

Oscar Tagliaferri a Milano fece parte del Collettivo comunista metropolitano e di Prima Linea, ed è ricercato per omicidio. L'uomo, che si troverebbe in Perù, partecipò all'assassinio di Giampiero Grandi, presunto spacciatore di eroina, insieme alle 'Squadre Proletarie di Combattimento per l'Esercito'. Il delitto sarebbe stato compiuto come azione punitiva nei confronti degli spacciatori. Tagliaferri fu inoltre condannato per la strage di via Adige del 1978: il triplice omicidio a sfondo ideologico in cui morirono il tappezziere Pier Antonio Magri, il detective privato Domenico Bornazzini e il macellaio Carlo Lombardi.

Maurizio Baldessenori, nato a Milano nel 1950, lavorò come operaio prima di avvicinarsi a Prima Linea proprio attraverso Oscar Tagliafierri. Il 59enne, latitante in Sudamerica, in gioventù prese parte all'omicidio di Grandi e alla strage di via Adige, che lo vide insieme a Tagliaferri, freddare le tre vittime con un fucile Smith & Wesson e un revolver Astra 357 magnum. Nel 2013 alcuni parenti di Baldessenori hanno chiesto la dichiarazione di morte presunta, ma la domanda non è stata accolta e il giudice Ilaria Mazzei ha chiesto alla Procura della Repubblica di riprendere le ricerche del latitante nel settembre del 2014.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Indagini sulla "rete di protezione" di Battisti

Intanto la procura di Milano ha aperto un fascicolo d'indagine sulla rete che avrebbe aiutato Cesare Battisti durante la latitanza. L'indagine, al momento, è senza indagati e senza ipotesi di reato. E' affidata ad Alberto Nobili, che nella procura di Milano si occupa di antiterrorismo e che attende la relazione della Digos per iniziare a indagare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Milano, ancora spari in via Creta: ragazzo di 32 anni gambizzato durante la notte, le indagini

  • Lo spettacolo della cometa Neowise, visibile a occhio nudo sopra Milano

  • Bollettino contagi coronavirus: a Milano trovate sei persone positive, 16 nella città metropolitana

  • H&M chiude a Milano, lavoratori trasferiti ad Ancona (e non solo): "Non ci fanno rientrare"

Torna su
MilanoToday è in caricamento