Prova costume e pancia piatta: l’insormontabile sfida di ogni estate

Avere la pancia piatta è uno degli obiettivi più ambiti dalle donne (e non solo): purtroppo, sembra anche essere uno dei più difficili da raggiungere. Dieta, attività fisica e trattamenti spesso non aiutano: perché?

Migliorare il proprio aspetto fisico è sicuramente più facile oggi che in passato: seguire un’alimentazione corretta e fare sport sono abitudini sempre più diffuse, e i risultati si possono concretamente vedere allo specchio. Ci sono però degli inestetismi del corpo che sembrano proprio impossibili da eliminare: l’addome voluminoso è uno di questi.

Quello che non tutti sanno è che questa può non dipendere dall’esercizio fisico o dal regime alimentare, trattandosi invece in alcuni casi di una patologia vera e propria: la diastasi addominale.

Molto spesso infatti quell’antiestetico effetto di addome gonfio ha delle cause precise, diverse da quelle del metabolismo lento o da uno stile di vita sedentario. Quello che può avvenire nel nostro addome - e che causa quindi l’odioso effetto addome voluminoso -  potrebbe essere un distacco dei muscoli dall’addome.

Ce lo spiega meglio il Dr. Antonio Darecchio, direttore di équipe Chirurgia Robotica della Clinica Columbus di Milano: «Spesso non è un problema di grasso, ma si tratta di diastasi addominale, la separazione dei muscoli retti dell’addome. Il caso tipico è a seguito di una gravidanza o in soggetti magri» .

Quando si parla di chirurgia estetica, è normale avere qualche timore sull’invasività dell’intervento, sul dolore e sul periodo di convalescenza. In realtà, grazie alle moderne tecniche chirurgiche, ritrovare la pancia piatta è molto più semplice di quanto si possa immaginare: «Questo è possibile grazie alla tecnologia robotica di ultima generazione; il Robot Da Vinci è il più evoluto nella chirurgia miniinvasiva. Il risultato estetico è notevolmente superiore rispetto a un’addominoplastica tradizionale: la pancia ritorna piatta, l’ombelico riprende la sua forma naturale e senza cicatrici». Per quanto riguarda la procedura post-operatoria, «Si torna ad uno stile di vita normale nel giro di sette giorni, attività fisica compresa. La medicazione consiste in tre cerottini, nessun punto di sutura o drenaggio. I risultati sono definitivi»

Quali sono dunque le precauzioni da adottare prima di sottoporsi a questo tipo di intervento?

«Quello che realmente fa la differenza è l’esperienza del chirurgo nell’utilizzo di questo tipo di strumentazione. Per operare in robotica è necessario essere iper-specializzati su questo tipo di chirurgia ed avere diversi anni di esperienza e formazione specifica. Sono stato il primo in Italia ad operare con questo tipo di metodica che attualmente utilizziamo su circa 280 pazienti  l’anno che la scelgono per i suoi indiscussi vantaggi.»

Come può una persona qualunque verificare questo?

«Oltre a chiedere specificamente al chirurgo il numero di casi trattati in robotica, è necessario richiedere la visione di risultati già ottenuti su altri pazienti affetti dalla medesima patologia»

Non bisogna farsi problemi a chiedere dei “prima/dopo”, insomma?

«Esatto. Credo sia una richiesta assolutamente legittima»

Finalmente possiamo dire di aver trovato la causa – e la soluzione – ad un problema spesso causa di frustrazioni, vista l’inefficacia e invasività di altri espedienti e per chi, nonostante l’impegno e la costanza nella cura del proprio corpo, si ritrova – soprattutto d’estate – a fare i conti con quel fastidioso addome gonfio.

Info - InternationalHerniaCare.com

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Ovest: motociclista tamponato finisce oltre il guard rail e viene travolto, morto

  • Milanese "razzista" e "salviniana" non affitta ai "meridionali": l'audio diventa virale

  • Milano, la velina Giulia Calcaterra in ospedale: “Un batterio mi ha bucato il malleolo”. Le foto

  • Milano, paura in un cantiere a City Life: gru precipita dal 29° piano della Torre Libeskind

  • Uomo vestito da Joker e con una pistola finta provoca il panico in metro a Milano: treni in tilt

  • Folle colpo al centro commerciale: i rapinatori 'speronano' i carabinieri e c'è una sparatoria

Torna su
MilanoToday è in caricamento