T'el see che a Milan... ?

T'el see che a Milan... ?

La leggenda del drago-dinosauro del Duomo di Milano

Con la trama che si plasma di racconto in racconto, c'è la vita di una piccola statua ancor più affascinante

Tutti, più o meno, conoscono, tra le migliaia di statue del Duomo, quella della "Statua della libertà". Ovvero l'opera che avrebbe ispirato - narra la leggenda - uno dei simboli americani. 

Eppure, tra storia e finzione, con la trama che si plasma di racconto in racconto, c'è la vita di una piccola statua ancor più affascinante. E' quella di un drago, o cucciolo di drago o, come lo vede qualcuno, un vero e proprio "dinosauro". E' a destra del portone principale, in basso. Rappresenterebbe Tarantasio, sputafuoco che a inizio dello scorso millennio imperversava nella bassa padana lombarda. 

E' un cucciolo, appunto, perchè nel rilievo si ricordano i suoi natali. Lo racconta Giuseppe Tesorio sul Corriere di qualche anno fa. 

Dunque, siamo nel 1100, l' Adda, il Serio e il Lambro non fanno altro che straripare, si gonfiano d' acqua, non riescono a defluire nel Po e allagano le terre della bassa da Cavenago a Rivolta. Lodi, un poco più elevata, la scampa sempre, ma tutt' intorno è ben presto un lago. Il lago Gerundo, per nulla profondo, ma esteso, tanto da sembrare un mare «Mare Gerundo» lo definiscono in alcune cronache. Uno strano lago, più una palude, fin dentro i confini di Milano. E in questo acquitrino melmoso chi ci vanno a trovare? Una creatura spaventosa, che emerge di tanto in tanto, emana odori nauseabondi e lancia lingue di fuoco. Già, un drago. Pronto anche il nome: Tarantasio Taranta è una frazione di Cassano d' Adda, in provincia di Milano. Corre il panico nella Bassa lodigiana, non si sa se per il drago o per la malaria che imperversa per via dell' acquitrino. Un incubo, finito un bel giorno, per l' esattezza il primo del 1300, quando, con l' ennesima pioggia, affiora non si sa bene dove, un enorme osso. Sarà del drago Tarantasio, dicono tutti, finalmente morto. L' ultima apparizione, la sera del 31 dicembre 1299, poi più nulla. Punto. Incomincia la leggenda.

T'el see che a Milan... ?

Piccole curiosità, storie, aneddoti e leggende all'ombra della Madonnina

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Sergio Codazzi
    Sergio Codazzi

    secondava

Torna su
MilanoToday è in caricamento