T'el see che a Milan... ?

T'el see che a Milan... ?

La storia del dolce natalizio di Milano: dal «Pan de' Toni» al panettone

Perchè si chiama panettone? E che origine ha il nome? Ci sono tre leggende: eccole

Panettoni (immagine repertorio)

Perchè il panettone si chiama panettone? Da dove deriva? E qual è la sua vera storia? Natale a Milano fa rima con panettone. Ma l'origine del dolce natalizio non è certa, anzi: si perde tra le pieghe della storia di Milano e si confonde con la leggenda. Tre le vicende più note, riportate nella scheda per il riconoscimento Deco (Denominazione comunale, ndr) del panettone. La prima — forse meno conosciuta — lo fa risalire alle gesta di un innamorato desideroso di aiutare l'attività del padre della sua amata. La seconda (più celebre) fa risalire l'origine del primo panettone alla corte di Ludovico Maria Sforza (Il Moro), duca di Milano dal 1480 al 1499. La terza, invece, narra di un convento di giovani suore e di un pane dolce cucinato per festeggiare il Natale.

Ma andiamo con ordine. Secondo la prima leggenda il creatore del primo panettone fu Ughetto, figlio di Giacomo Atellani (il cui palazzo, dono del Moro, si trovava vicino alla chiesa delle Grazie). Il giovane era innamorato di Adalgisa, figlia di un vicino fornaio. Date le umili condizioni della famiglia della giovane, gli Atellani osteggiarono le nozze. Inoltre gli affari del fornaio non andavano molto bene. Per risollevare la situazione, Ughetto, si fece assumere come garzone dal fornaio e pensò di migliorare il pane aggiungendo burro e zucchero. Fu un successo. Non solo: durante una seconda preparazione aggiunse anche pezzetti di cedro candito e uova, la nuova ricetta riscosse ancora più successo, tanto che tutto il borgo faceva la coda alla porta del fornaio per avere quel dolce. Infine i due giovani — come accade nelle favole — si sposarono e vissero felici e contenti.

T'el see che a Milan... ?

Piccole curiosità, storie, aneddoti e leggende all'ombra della Madonnina

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
MilanoToday è in caricamento