Affitto, come ricevere il bonus 2020

Come funziona, a quanto ammonta e chi può riceverlo

Per chi vive in affitto e si trova in una situazione di difficoltà a causa dell'emergenza coronavirus, nel 2020 è stato riproposto il Bonus Affitto. L’agevolazione, che esiste da anni, è indirizzata proprio a coloro che hanno subito importanti danni economici a causa dell’emergenza sanitaria.

I cittadini che desiderano contrattare con il proprietario una riduzione dell’affitto immobiliare, devono conoscere le norme specifiche stabilite a seconda del comune di residenza, che pubblica un bando e spiega quali limiti vanno rispettati e anche le tempistiche. Scopriamo allora insieme come funziona il Bonus Affitto.

Come affittare casa facilmente

Come funziona l'agevolazione

Da più di vent’anni ormai è stato creato un fondo per il sostegno all’accesso alle abitazioni affittate. A spiegare come gestire e come dividere le somme tra le regioni e i comuni è la Legge di Bilancio: solo a questo punto è possibile quantificare anche il Bonus Affitto. Per l'erogazione 2020, ad esempio, sono stati messi a disposizione 50 milioni di euro.

I requisiti

Per avere accesso al Bonus Affitto occorrono dei requisiti specifici:

  • cittadinanza italiana oppure di una nazione dell’UE, in alternativa è sufficiente il permesso di soggiorno;
  • residenza nel comune in cui si richiede l’agevolazione;
  • possesso di un contratto di locazione ad uso abitativo (tranne che per gli immobili di lusso);
  • pagamento regolare dell’affitto;
  • rispetto dei limiti ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente);
  • nessun altro beneficio di sostegno sulla locazione.

Bisogna poi tenere conto dei requisiti del singolo nucleo familiare:

  • nessun diritto di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su alloggio adeguato alle esigenze del nucleo stesso;
  • nessuna assegnazione di alloggio e di edilizia agevolata convenzionata.
     

Gli importi del Bonus Affitto

Gli importi specifici di questa agevolazione sono stati stabiliti in base alle fasce di reddito:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
  • per l’affitto della prima casa: 300 euro in caso di reddito al di sotto di 15493,71 euro;
  • per l’affitto della prima casa: 150 euro in caso di reddito compreso tra 15493,72 e 30987.41 euro;
  • per l’affitto con cedolare secca: 495,80 euro in caso di reddito non superiore a 15493,71 euro;
  • per l’affitto con cedolare secca: 247,90 euro se il reddito complessivo è compreso tra 15493,72 e 30987,41 euro;
  • per giovani tra i 20 e i 30 anni: 991,60 euro se il reddito complessivo non supera 15493,71 euro;
  • per lavoratori dipendenti fuori sede: 991,60 euro se il reddito complessivo non supera 15493,71 euro;
  • per lavoratori dipendenti fuori sede: 495,80 se il reddito complessivo è compreso tra 15493,72 e 30987,41 euro.
     

Gli studenti universitari fuori sede

Per quanto riguarda, invece, gli studenti universitari fuori sede che vivono in affitto, la detrazione è pari al 19% di quanto è stato speso. Il limite totale è fissato ai 2633 euro. L'agevolazione viene erogata solo se l’università in cui lo studente è iscritto si trova ad almeno 100 chilometri di distanza dal comune di residenza dello stesso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
MilanoToday è in caricamento