Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Milano, apre il nuovo Starbucks in centro: e l'anno prossimo arriva in Centrale

"Soft opening" lunedì pomeriggio e martedì l'inaugurazione vera e propria. Le foto
Torna a Milano, apre il nuovo Starbucks in centro: e l'anno prossimo arriva in Centrale

Commenti (22)

  • Hai un problema e la banca ha rifiutato di aiutare vi prego di contattarmi vogliamo che le persone responsabili, uomo serio a cui possiamo riporre la nostra fiducia Grazie e stiamo aspettando le vostre richieste

  • Hai un problema e la banca ha rifiutato di aiutare vi prego di contattarmi vogliamo che le persone responsabili, uomo serio a cui possiamo riporre la nostra fiducia Grazie e stiamo aspettando le vostre richieste

  • Veramente deludente leggere i commenti di alcuni che - anno domini 2018 - si lamentano ancor adelle multinazionali e del prezzo della tazzina: prima di tutto Starbucks è made in Usa. Quindi "mononazionale". Secondo: se è troppo caro, andate altrove come farò io. Il fatto che un'azienda così investa a Milano dovrebbe far fare i salti di gioia a tutti, anche a chi non ci metterà mai piede (a iniziare da quelli di sinistra, sempre pronti a un NO a tutto)

    • intanto starbucks non è solo made in USA visto che producono anche qui a Milano il caffè, tostandolo e confezionandolo, ma vabeh è solo un dettaglio, sta di fatto che solo quel locale da lavoro ad una marea di persone

      • Forse dovresti leggere meglio quello che ho scritto senza alterarti: hai scritto quello che dico io

        • non ho scritto alterandomi (che poi come avresti capito che mi sono alterato devi spiegarmelo) poi tu hai scritto che starbucks è "mononazionale" (l'hai scritto tu eh, non io) ho solo ripetuto quanto hai scritto dopo [e comunque senza alterarmi (ma come si capisce quando uno si altera da una frase scritta senza turpiloquio?)]

          • Te l'ho letto in faccia. Sono nato prima di te

            • ahhh beh allora...

  • Purtroppo prevedo un adeguamento dei bar milanesi a imitazione della multinazionale... sopratutto nell'aumento indiscriminato dei prezzi dell'espresso e del cappuccino

  • Milano uguale alle altre.

  • a 1.30 il caffè americano se lo bevono loro...

    • 1.30 non è il caffè americano... non spariamo sentenze a random ancor prima di aver capito di cosa si sta parlando

    • Non mi pare che ti obblighino a berlo. Alla faccia della libertà, vero?

  • se ti va lo bevi se no non lo bevi

    • Esatto!

  • Il frappuccino... roba da stroglioni

    • Ma quanto il tuo profondo commento di sinistra

      • Non appena comprenderò il signi******to del sup commento, sarò d'accordo con lei

        • Il mio commento conteneva un refuso. La prima parola era "mai" e non "ma". Detto questo, dire "roba da stroglioni" identi****** perfettamente uno status sinistro. E lo dice uno che non berrà mai 'sta brodaglia, anche se in passato mi è capitato di metter piede in uno Starbucks e mi è capitato di gradire le bevande

          • Ora è chiaro. Ho diverse ideologie politiche rispetto a quelle che mi indica. La mia battuta che riprende la crasi di due termini nasce dal fatto che mal sopporto ila vista di persone che fanno la fila per cose vacue come un frappuccino o un telefonino, e che non riescono ad appagare il prorio ego dedicandosi ad altro. E invidio costoro perche hanno il dono del tempo. Spero che ora trovi più gradevole il mio commento

            • Molto più gradevole. Resta il fatto che finché c'è gente che fa la coda per un frappuccino, per un cellulare, per un orsetto peloso o per una bambola gonfiabile vorrà dire che i soldi girano. Ribadisco: lei è di sinistra. Si vede.

              • Il voto è segreto, ma se gradisce voto meloni

Torna su
MilanoToday è in caricamento