È guerra tra cinghiali e coltivatori, la Regione dà il suo via libera: "Si potranno uccidere"

I coltivatori che hanno subito danni potranno abbattere i cinghiali. Ecco la novità

Immagine repertorio

È guerra tra cinghiali e coltivatori. E nei giorni scorsi Regione Lombardia ha approvato una delibera che permetterà agli agricoltori provvisti di licenza di abbattere i cinghiali durante tutto il corso dell'anno. Potranno fare "attività di contenimento", prerogativa che finora era riservata alla polizia provinciale e ai cacciatori.

Il via libera arriva mentre i cinghiali si sono moltiplicati in tutta Italia. "La decisione — precisa il presidente di Coldiretti Lombardia Ettore Prandini — arriva dopo un percorso iniziato un anno fa, durante il quale abbiamo chiesto che agli imprenditori agricoli abilitati fosse concesso di poter abbattere questi animali anche al di fuori del periodo di caccia. Una misura che oggi raggiungiamo grazie alla proposta dell’assessore all’agricoltura, Fabio Rolfi, e al confronto con il Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana".

Secondo i dati resi noti da Coldiretti in Lombardia — nel quinquennio 2013/2018 — i cinghiali hanno causato danni alle colture agricole per quasi 1,7 milioni di euro, somma erogata dalla Regione. Non solo: hanno provocato anche 384 sinistri stradali che sono costati oltre 600mila euro alle casse regionali.

La procedura

Nel provvedimento della Lombardia – spiega la Coldiretti — si riconosce nella sostanza la possibilità da parte dei proprietari e conduttori di terreni agricoli di esercitare una facoltà di legittima difesa in presenza di minime condizioni. Tra i requisiti – continua l'associazione — si ritiene in particolare l’accertamento di danni alle colture nei 6 mesi antecedenti la data di presentazione della domanda di autorizzazione che ha la durata di 12 mesi; la titolarità di licenza di porto di fucile e la abilitazione alla caccia di selezione nel caso di ricorso a particolari modalità.

Gli abbattimenti devono avvenire in condizione di sicurezza attraverso la comunicazione preventiva agli organi di polizia competenti oltre che di compatibilità ambientale. Tradotto? È vietato intervenire nelle aree protette, ma è anche previsto un sistema di tracciabilità per garantire il monitoraggio e il controllo sanitario.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • spero di trovarne un pò in macelleria

  • polenta e cinghiale è il top

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Torna a casa col tassista abusivo conosciuto in discoteca: donna violentata e sequestrata

  • Scioperi

    Sciopero Ryanair per il 28 settembre: i voli cancellati e la procedura per il rimborso

  • Rozzano

    Folle inseguimento di 30 km sulla tangenziale: Bmw sperona i carabinieri ma poi si schianta

  • Sport

    Video gol Inter-Fiorentina 2-1: azioni salienti e highlights

I più letti della settimana

  • Il "miracolo" dei carabinieri: 40 minuti con la supercar per portare tre organi da trapiantare

  • Incidente a Milano: 'sfondano' Smart con la moto, morti Marco ed Emiliana, 29 e 23 anni

  • Inter-Totthenam 2-1: Trevisani e Adani di Sky in versione ultras e scoppia la polemica. Video

  • Incidente sulla circonvallazione tra una Smart e una moto: morti due giovani

  • Milano, i biglietti Atm costeranno 2 euro da fine marzo 2019: come cambiano le tariffe

  • Uomo blocca bus in strada, prende a pugni il vetro e minaccia l'autista: 'Ti sparo, ti uccido'

Torna su
MilanoToday è in caricamento