Milano, paura in stazione Centrale: ragazzo armato accoltella persone a caso, due feriti

Paura verso le 7 di venerdì in stazione Centrale a Milano. Preso dai carabinieri un 23enne

Il coltello usato durante l'aggressione

È entrato nella cucina del ristorante "Panino Giusto" e ha rubato un coltello. Poi, dopo una discussione con una guardia giurata, ha iniziato a correre al piano terra della stazione e ha aggredito due persone a caso. 

Paura venerdì mattina in Centrale a Milano, dove due uomini sono stati accoltellati da un ragazzo di ventitré anni, cittadino libico, poi arrestato dai carabinieri del Radiomobile con le accuse di minaccia aggravata, lesioni aggravate gravi e continuate e possesso di arma atta ad offendere. 

Due accoltellati in Centrale a Milano

La follia del giovane è iniziata verso le 6.40, quando seguendo due dipendenti di "Panino Giusto" è riuscito a introdursi nel locale. Scoperto dalle donne, il 23enne è stato allontanato da un vigilante in servizio nello scalo ferroviario. Pochi minuti dopo, il ragazzo è tornato fuori dal negozio e da una fioriera ha recuperato un coltello che evidentemente aveva rubato nelle cucine della paninoteca. 

A quel punto, l'aggressore ha iniziato a correre nella Galleria delle carrozze minacciando chiunque gli capitasse a tiro. Il primo a cadere sotto i suoi colpi è stato un gambiano di venti anni, accoltellato al braccio destro mentre stava prelevando al bancomat. Pochi istanti dopo è toccato invece a un ivoriano di trenta anni, che si è ferito alle mani nel tentativo di difendersi da un fendente all'addome. 

Lo stesso 30enne è riuscito poi a far cadere il ragazzo e in quel momento sono arrivati i carabinieri, che lo hanno accompagnato in ospedale - aveva avuto un malore - e poi arrestato. 

Il gambiano colpito al braccio è finito al Fatebenefratelli in codice verde. Più gravi, invece, le condizioni del secondo accoltellato. I fendenti gli hanno reciso alcuni tendini: dovrà essere operato e i dottori della clinica Città Studi gli hanno diagnosticato una prognosi di cinquanta giorni. 

Il precedente in stazione Centrale

Il 18 maggio del 2017 sempre la stazione Centrale era stata teatro di un violento blitz di un 21enne, l'italo tunisino Tommaso Hosni, che senza motivo aveva accoltellato due militari e un agente della Polfer che stavano cercando di controllare i suoi documenti

Hosni è poi stato condannato a 5 anni e 8 mesi di carcere per tentato omicidio, lesioni e resistenza. I giudici gli avevano anche riconosciuto un parziale vizio di mente. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Incidente a Trezzano, auto passa col rosso e si schianta con 2 macchine: 12enne gravissimo

  • Milano, incidente in via Trevi: Smart si ribalta e piomba dentro al negozio di kebab, un morto

  • Incidente fra tre camion sull'A4, autostrada chiusa e traffico in tilt: i percorsi alternativi

  • Milano, festino a base di cocaina, hashish e marijuana nell'hotel di lusso: arrestato 32enne

  • Milano, gira in strada con tre zaini in spalla: dentro ha 2,3 chili di droga e 10mila euro

Torna su
MilanoToday è in caricamento