Milano, accoltella il fratello dopo una violenta lite e si giustifica: "Non trovavo alcune cose"

Domenica di sangue in via Giacomo Watt, zona San Cristoforo a Milano. Attorno alle 7.30

Repertoiro

"Non trovavo alcune cose mie. Erano sparite". Si sarebbe giustificato così un cittadino peruviano di 31 anni che pochi istanti prima aveva accoltellato il fratello durante una lite.

Per quel futile motivo i due, stando alla ricostruzione della questura intervenuta con alcune volanti, avrebbero iniziato a litigare aspramente. Tanto che il 31enne, con la mente annebbiata dalla rabbia, ha deciso d'impugnare un coltello per scagliarsi contro il fratello minore, un 25enne.

Lite con i coltelli in casa a Milano

Domenica di sangue in via Giacomo Watt, zona San Cristoforo a Milano. Attorno alle 7.30, al culmine della lite nell'abitazione dei due, sono intervenuti i medici del 118 con ambulanza e automedica e la polizia.

Il ferito, secondo quanto ricostruito dagli agenti, è stato trasportato all'ospedale Policlinico in codice rosso, anche se non è in pericolo di vita. È stato colpito con un coltello da cucina all'addome e a una tibia. Per lui i medici hanno valutato una prognosi di 30 giorni mentre, intanto, il fratello è stato denunciato per lesioni in questura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, guardia giurata travolge motociclista, vede che è morto e si spara in testa: il dramma

  • Giovane morto travolto da un treno del metrò: Cassazione condanna l'agente di stazione di Atm

  • Milano, guardia giurata di 26 anni si spara in testa dopo un incidente mortale: chi era Flavio

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • Influencer per sfida in piazza Duomo, torna la seconda volta: identificata con l'autista

  • Sciopero dei mezzi il 28, sciopero generale il 29: treni, metro e bus a rischio per due giorni

Torna su
MilanoToday è in caricamento