Treni: giovane ancora molestata e derubata su linea Milano-Lodi

La ragazzina aveva segni in volto e aveva perso il cellulare; in lacrime, è stata soccorsa dalla madre

Ancora molestata una giovane

Ancora una possibile aggressione. Stavolta non sul treno ma in una piccola stazione isolata. Vittima, ancora una volta, una giovanissima, incapace di chiedere aiuto.

Una 19enne lodigiana ha raccontato ai carabinieri di essere stata molestata e rapinata del cellulare dopo che, scesa da un treno alla stazione di Tavazzano con Villavesco (Lodi), sulla linea Milano-Piacenza, l'altro giorno, stava aspettando che la madre venisse a prenderla.

All'arrivo la donna l'ha trovata in lacrime e con alcuni segni sul viso. Secondo quanto riportato dalle forze dell'ordine, la giovane non aveva più il cellulare e ha spiegato che poco prima un giovane di colore le aveva fatto delle avances, strappandole poi lo smartphone. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poi si è dileguato, lasciando la ragazzina sotto choc. Le sue condizioni sono buone e non è stato necessario l'intervento del 118. Indagano i militari per la veridicità del racconto e per risalire al malvivente attraverso i filmati di sorveglianza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Lo spettacolo della cometa Neowise, visibile a occhio nudo sopra Milano

  • Bollettino coronavirus Milano e Lombardia: 192 guariti, 15 nuovi positivi a Milano città

  • H&M chiude a Milano, lavoratori trasferiti ad Ancona (e non solo): "Non ci fanno rientrare"

Torna su
MilanoToday è in caricamento