"Vegani di merda, fate schifo": uomo pestato a sangue dal branco fuori dal ristorante "veg"

L'aggressione alle 22 di mercoledì sera. I carabinieri hanno arrestato i quattro aggressori

Foto repertorio

In cinque contro due li hanno puntati e insultati. Li hanno fissati a lungo e li hanno invitati a seguirli in strada per risolvere la questione. E appeno uno di loro ha provato a farlo per lui è finita malissimo. Il tutto solo e soltanto per quello che avevano scelto di mangiare. 

Folle aggressione mercoledì sera fuori da un ristorante vegano - il "Vegan world" - di viale Monte Nero, in zona Porta Romana. Verso le 22, due uomini che stavano cenando lì - un trentunenne e suo fratello - sono finiti nel mirino di cinque ragazzi, tutti giovani tra i diciotto e i venti anni. 

Gli insulti fuori dal locale e il pestaggio

Stando a quanto ricostruito dai militari, il branco avrebbe preso di mira i due - che erano seduti ad un tavolo all'esterno del locale - e avrebbero iniziato ad urlargli contro frasi come "Vegani di merda", "fate schifo" e ancora "Che cazzo vi state mangiando?", "Che schifo che mi fate, vieni vieni che ti aspetto".

Quando il trentunenne si è alzato per chiedere ai cinque di smetterla, loro si sono nascosti dietro l'angolo - in viale Lazio - e appena ne hanno avuto la possibilità lo hanno aggredito, impugnando anche una bottiglia di vetro. La vittima, spinta a terra da uno dei cinque, è poi stata colpita con calci e pugni al volto ed è stata salvata soltanto dall'intervento di suo fratello. 

L'aggressione e la rapina

Mentre i due tornavano al ristorante per chiedere aiuto, il "capetto" del branco ha scagliato contro di loro un sampietrino - danneggiando la vetrina di un altro locale - e ha poi afferrato un posacenere a colonna per minacciarli ancora. Quando tutto sembrava finito, mentre il trentunenne e il fratello aspettavano i carabinieri nel ristorante, tre dei cinque sono tornati e - dopo aver cercato di colpire ancora una volta l'uomo - gli hanno rubato la giacca con all'interno il cellulare e il portafogli e sono fuggiti. 

La loro corsa, però, è durata molto poco. I carabinieri della Pmz della compagnia Duomo, guidati dal capitano Matteo Martellucci, infatti, pochi minuti dopo ne hanno bloccati quattro mentre uscivano da un parchetto di viale Caldara. In manette sono finiti due ragazzi di diciotto anni - uno con precedenti per danneggiamento -, uno di diciannove e uno di venti - già noto per droga e tentata estorsione -, che devono rispondere delle accuse di rapina aggravata.

Chi sono i quattro del branco

I quattro - tutti ragazzi italiani di buona famiglia, figli di professionisti e insegnanti - sono finiti a San Vittore. La vittima, invece, è stata medica sul posto ed è poi finita al pronto soccorso per dolori alla schiena e alla spalla sinistra. I militari sono riusciti anche a recuperare il suo portafogli e il suo telefoni, trovati nascosti su un muretto e in un cestino dell'immondizia proprio del parchetto di viale Caldata. 

È possibile che il branco, dopo una prima fuga, sarebbe tornato a riprendere il bottino. Ma prima di loro sono arrivati i carabinieri. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Cesano, travolta da un bus Atm mentre attraversa sulle strisce: è grave

  • Milano, turista sequestrata e violentata dentro un McDonald's: le fratturano anche il naso

  • Metro linea gialla M3: uomo perde la vita, circolazione bloccata

  • Milano, mega incendio in una palazzina in via Della Torre: 50 evacuati, due bimbi in ospedale

  • La procura sequestra il Villaggio di Natale a Milano: a rischio l'apertura del mega parco

  • La Dea bendata bacia il Milanese: vincita record con il concorso di sabato del Lotto

Torna su
MilanoToday è in caricamento