Follia alla fermata del tram, uomo preso a sprangate in testa senza motivo: è grave

La vittima ha riportato la frattura della teca cranica e sarà operata. Preso l'aggressore

Foto repertorio

Aveva gli auricolari con la musica nelle orecchie e non si è accorto di quello che accadeva a due passi da lui. Così, quando l'aggressore lo ha colpito non è riuscito a difendersi in nessun modo. E nulla ha potuto fare neanche quando, nonostante lui fosse già a terra, il "rivale" gli si è accanito contro prima di andare via come se nulla fosse successo. 

Follia in strada a Milano, dove un uomo di trentuno anni - un cittadino serbo, regolare e con un lavoro nel campo della finanza - è stato aggredito a sprangate in testa mentre aspettava il tram numero 9 all'angolo tra via Ripamonti e viale Sabotino. A colpirlo, hanno accertato i carabinieri del nucleo Radiomobile, è stato un trentaduenne del Camerun - residente a Treviso e già noto per reati contro il patrimonio - che è poi stato arrestato con l'accusa di tentato omicidio. 

L'aggressore - ha raccontato una donna, la prima a chiedere aiuto ai carabinieri - verso le 22.30 è sceso da un tram in viale Sabotino e ha immediatamente preso a calci un bidone della spazzatura, rovesciandolo in strada. Il trentaduenne, sempre sotto gli occhi della testimone, è poi entrato in un'aiuola cercando di prendere - senza riuscirci - un paletto di legno fissato nel terreno. A quel punto, l'uomo si è spostato dietro un'edicola e pochi secondi dopo è tornato impugnando una spranga di ferro di circa 80 centimetri "ricavata" da una transenna.  

Proprio con quell'arma, l'arrestato ha aggredito alle spalle la vittima per poi lasciarla a terra in un lago di sangue. Dopo un primo violento colpo alla testa, il trentunenne è caduto al suolo ed è stato colpito altre due volte, sempre al cranio. Il camerunense - in evidente stato di alterazione psicofisica - si è poi allontanato imboccando via Ripamonti. Lì, pochi attimi dopo, lo hanno raggiunto i militari, che lo hanno ammanettato, arrestato e portato a San Vittore. 

La vittima, soccorsa dai passanti e da un'ambulanza del 118, è stata portata d'urgenza al Policlinico: i medici hanno riscontrato diverse fratture alla teca cranica e per ora non hanno ancora sciolto la prognosi. Nelle prossime ore, l'uomo - che comunque non dovrebbe essere in pericolo di vita - sarà sottoposto a un intervento chirurgico. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il trentunenne - hanno accertato i carabinieri - non aveva mai visto prima il suo aggressore. Così come non avevano mai visto prima il loro carnefice i tre uomini che all'alba dell'11 maggio 2013 erano stati uccisi a colpi di piccone da Adam Kabobo, il ghanese che - e l'aggressione di martedì sera riporta alla mente proprio quelle scene - aveva seminato il panico nel quartiere Niguarda senza un vero perché. Per quegli omicidi Kabobo dovrà scontare venti anni di carcere

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

  • Coronavirus, l'allarme dei medici di Milano: "Prepararsi a stagione influenzale o sarà crisi"

  • Lo spettacolo della cometa Neowise, visibile a occhio nudo sopra Milano

  • Bollettino coronavirus Milano e Lombardia: 192 guariti, 15 nuovi positivi a Milano città

Torna su
MilanoToday è in caricamento