Follia alla fermata del tram, uomo preso a sprangate in testa senza motivo: è grave

La vittima ha riportato la frattura della teca cranica e sarà operata. Preso l'aggressore

Foto repertorio

Aveva gli auricolari con la musica nelle orecchie e non si è accorto di quello che accadeva a due passi da lui. Così, quando l'aggressore lo ha colpito non è riuscito a difendersi in nessun modo. E nulla ha potuto fare neanche quando, nonostante lui fosse già a terra, il "rivale" gli si è accanito contro prima di andare via come se nulla fosse successo. 

Follia in strada a Milano, dove un uomo di trentuno anni - un cittadino serbo, regolare e con un lavoro nel campo della finanza - è stato aggredito a sprangate in testa mentre aspettava il tram numero 9 all'angolo tra via Ripamonti e viale Sabotino. A colpirlo, hanno accertato i carabinieri del nucleo Radiomobile, è stato un trentaduenne del Camerun - residente a Treviso e già noto per reati contro il patrimonio - che è poi stato arrestato con l'accusa di tentato omicidio. 

L'aggressore - ha raccontato una donna, la prima a chiedere aiuto ai carabinieri - verso le 22.30 è sceso da un tram in viale Sabotino e ha immediatamente preso a calci un bidone della spazzatura, rovesciandolo in strada. Il trentaduenne, sempre sotto gli occhi della testimone, è poi entrato in un'aiuola cercando di prendere - senza riuscirci - un paletto di legno fissato nel terreno. A quel punto, l'uomo si è spostato dietro un'edicola e pochi secondi dopo è tornato impugnando una spranga di ferro di circa 80 centimetri "ricavata" da una transenna.  

Proprio con quell'arma, l'arrestato ha aggredito alle spalle la vittima per poi lasciarla a terra in un lago di sangue. Dopo un primo violento colpo alla testa, il trentunenne è caduto al suolo ed è stato colpito altre due volte, sempre al cranio. Il camerunense - in evidente stato di alterazione psicofisica - si è poi allontanato imboccando via Ripamonti. Lì, pochi attimi dopo, lo hanno raggiunto i militari, che lo hanno ammanettato, arrestato e portato a San Vittore. 

La vittima, soccorsa dai passanti e da un'ambulanza del 118, è stata portata d'urgenza al Policlinico: i medici hanno riscontrato diverse fratture alla teca cranica e per ora non hanno ancora sciolto la prognosi. Nelle prossime ore, l'uomo - che comunque non dovrebbe essere in pericolo di vita - sarà sottoposto a un intervento chirurgico. 

Il trentunenne - hanno accertato i carabinieri - non aveva mai visto prima il suo aggressore. Così come non avevano mai visto prima il loro carnefice i tre uomini che all'alba dell'11 maggio 2013 erano stati uccisi a colpi di piccone da Adam Kabobo, il ghanese che - e l'aggressione di martedì sera riporta alla mente proprio quelle scene - aveva seminato il panico nel quartiere Niguarda senza un vero perché. Per quegli omicidi Kabobo dovrà scontare venti anni di carcere

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Shirley, la baby sitter morta nello schianto tra un pullman Atm e un camion Amsa a Milano

  • Villaggio di Natale di San Siro, l'organizzazione ai clienti delusi: 'Le criticità verranno risolte'

  • Milano, Carrefour compra 28 supermercati Auchan da Conad: "Nessun esubero"

  • Milano, rapinato il ristoratore dei vip: "Pistola contro per rubarmi soldi contanti e orologio"

  • Incidente tra filobus Atm e camion Amsa: indagati per omicidio stradale i conducenti

  • Milano, sciopero Trenord in arrivo: treni a rischio per 24 ore e nessuna fascia di garanzia

Torna su
MilanoToday è in caricamento