Chiede a un gruppo di clienti di fare meno baccano e si prende un pugno in faccia

L'aggressione in un internet point di Città Studi

Repertorio

Brutale aggressione in un negozio di telefonia e internet point del quartiere Città Studi, a Milano, nel pomeriggio di venerdì 6 marzo. E' successo in via Amadeo al civico 48. La vittima è il gestore del negozio, un cittadino egiziano di 46 anni. Sul posto è intervenuta la polizia, avvertita da un uomo di 60 anni che si trovava all'interno dell'esercizio e che ha assistito a tutte le fasi.

Verso le quattro e mezza del pomeriggio sono entrati nell'internet point sette uomini, verosimilmente dell'est europeo, che hanno incominciato a sbraitare ad alta voce, a ridere sonoramente, a urlare. Ad un certo punto il gestore li ha invitati a darsi un certo contegno, ma uno di quelli ha reagito sferrandogli un pugno al volto; il gruppo è poi scappato a gambe levate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ferito portato in ospedale

All'interno, come detto, vi era un italiano di sessant'anni, che stava navigando in internet da una delle postazioni e che (assistito alla scena per intero) ha chiamato il numero di emergenza 112. Sul posto è intervenuta la polizia, ma del gruppo non v'era alcuna traccia ormai. I sanitari del 118 si sono occupati del gestore del negozio, trasportato in codice verde alla clinica Città Studi con una ferita al labbro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Milano e in Lombardia: le prime previsioni

  • Coronavirus, quando finisce quarantena? "Le misure saranno allungate oltre 3 aprile"

  • Coronavirus: contagi in calo in Lombardia, ma 458 morti in un giorno. A Milano 3.560 positivi

  • Coronavirus, morto barista milanese di 34 anni: lascia un bimbo di 1 anno

  • Violente risse nella notte: uomo trovato con avambraccio squarciato

  • Coronavirus, persone asmatiche e allergiche devono temere il contagio più di altre?

Torna su
MilanoToday è in caricamento