Milano, aveva lasciato un ago sulla maniglia dell'auto della polizia: arrestato per rapina

A denunciare l'aggressione è stato un 25enne, attorno alle 4 di venerdì in via Cassinis

L'episodio dell'ago

Ad agosto aveva lasciato un ago sulla maniglia di una volante della polizia a Rogoredo, ora è stato arrestato dalla polizia per una violenta rapina nei pressi della stessa stazione Milanese.

L'ago sulla maniglia dell'auto della polizia

Quel giorno, il giovane, un peruviano di 32 anni, aveva impiegato tre secondi per compiere la sua azione: si era accostato all'auto - che era lì in stazione al posto fisso di polizia - e aveva lasciato l'ago in perfetto equilibrio sulla maniglia della portiera. 

Fortunatamente nessuno era rimasto ferito, perché l'agente si era accorto dell'ago e aveva evitato di poggiare la mano. Le sue 'gesta' erano state riprese perfettamente dalle telecamere di sicurezza della stazione e lui era stato identificato e, secondo quanto aveva riferito l'allora ministro degli Interni Matteo Salvini, espulso dall'Italia.

La rapina in via Cassinis e l'arresto

Ora è tornato protagonista della cronaca per colpa di una rapina. È stato arrestato dai poliziotti che lui aveva provato a ferire. A denunciare l'aggressione è stato un 25enne italiano, attorno alle 4 di venerdì in via Giovanni Battista Cassinis. 

Il giovane ha riferito ai poliziotti di essere stato malmenato da due uomini che gli avevano rubato il cellulare. Il 25enne ha mostrato agli agenti pure la via di fuga della coppia. Poco dopo la volante ha effettivamente trovato due persone che corrispondevano con la descrizione della vittima: un algerino di 48 anni e il peruviano che aveva piazzato l'ago sull'auto della polizia. Sono accusati di rapina aggravata in concorso. E per loro si apriranno le porte di San Vittore.

Foto - L'ago lasciato sull'auto

ago auto polizia-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • "Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale"

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

Torna su
MilanoToday è in caricamento