"Area C sta distruggendo il lavoro di tutti". Monta la protesta dei negozianti

"Area C sta distruggendo il lavoro di tutti". Questa frase campeggia su moltissime vetrine del centro. Il racconto a MilanoToday di una barista: "Al mattino fatturato dimezzato"

Uno dei cartelli di protesta appeso alle vetrine dei negozi del centro (foto Rovellini)

Un foglio A4 con una frase. Bianco su nero, semplicissimo. Uno slogan forte: "Area C sta distruggendo il lavoro di tutti".

Da qualche giorno, infatti, moltissime vetrine del centro cittadino sono "listate" dal "Comitato commercianti contro Area C". Un sodalizio spontaneo, nato dal moto "rivoltoso" contro un "balzello iniquo" secondo la definizione di diversi esercenti.

I cartelli di protesta, stampati in varie dimensioni, sono messi all'ingresso dei locali, in bella vista. Se da un lato Palazzo Marino è giustamente soddisfatto per il brusco calo del traffico in centro e nell'hinterland - e per l'aumento esponenziale dell'uso dei mezzi pubblici -, un'altra parte di Milano non ride affatto. I garage chiudono, e le diverse attività commerciali che abbiamo interpellato ripetono come una litanìa il medesimo mantra: "Area C ci sta rovinando".

"Prima della nuova Ztl - ci spiega Isabella B., proprietaria insieme al marito di un bar-ristorante nelle vicinanze di uno dei più famosi licei milanesi e di una scuola media -, le mamme, dopo aver portato i bambini a scuola, si fermavano a prendere un caffè. Ora questo non avviene più. Posso dire con certezza che il fatturato al mattino, dalla seconda metà di gennaio, è calato del 50%". "Tutti i genitori - continua - lasciano i figli prima delle telecamere, e qui non ci passano più. Per noi è stato devastante". 

Non mancano i problemi "logistici": "Abbiamo una piccola attività; noi stessi andiamo a fare i rifornimenti presso i centri all'ingrosso. Se prima potevo farlo al pomeriggio dopo la pausa pranzo, ora con l'entrata e l'uscita da Area C è diventato proibitivo per i costi". "Molte persone hanno faticato tutta la vita per avere la casa in centro - conclude -: vivere nella Ztl non è una colpa. Non si capisce perchè i residenti debbano essere discriminati".

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, turista sequestrata e violentata dentro un McDonald's: le fratturano anche il naso

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • La procura sequestra il Villaggio di Natale a Milano: a rischio l'apertura del mega parco

  • La metro è sempre più grande, ecco i soldi per prolungare la M5: 11 nuove stazioni sulla lilla

  • La Dea bendata bacia il Milanese: vincita record con il concorso di sabato del Lotto

  • Incidente a Milano, perde il controllo dell'auto: finisce nel ristorante, paura in piazzale Martini

Torna su
MilanoToday è in caricamento