Buste esplosive ai magistrati, tre anarchici arrestati: "Attentato con finalità di terrorismo"

In manette due uomini e una donna, fermati in un'inchiesta della procura di Milano

"Attentato con finalità di terrorismo". È l'accusa, pesantissima, di cui devono rispondere tre anarchici arrestati martedì mattina nell'ambito di un'inchiesta della procura di Milano del sostituto procuratore Piero Basilione e coordinata dal capo del pool antiterrorismo, Alberto Nobili. 

I tre - due uomini e una donna - sono ritenuti i responsabili delle tre buste con esplosivo recapitate nell'estate del 2017 ai pm di Torino che indagavano sul mondo "eversivo" nel Nord Italia e all'allora responsabile del dipartimento per l'amministrazione penitenziaria Santi Consolo, che era a Roma. 

Nel mirino degli anarchici erano finiti i pm Roberto Sparagna e Antonio Rinaudo, che il 7 giugno avevano ricevuto i pacchi bomba, poi disinnescati dagli artificieri. I due uomini sono stati fermati a Ferrara e Modena, mentre la ragazza è stata bloccata in Francia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, turista sequestrata e violentata dentro un McDonald's: le fratturano anche il naso

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • La procura sequestra il Villaggio di Natale a Milano: a rischio l'apertura del mega parco

  • La metro è sempre più grande, ecco i soldi per prolungare la M5: 11 nuove stazioni sulla lilla

  • Incidente a Milano, perde il controllo dell'auto: finisce nel ristorante, paura in piazzale Martini

  • Milano, lite in strada tra due donne per 50 euro: uomo le separa ma viene accoltellato

Torna su
MilanoToday è in caricamento