La studentessa con la casa in centro e il suo fidanzato: arrestati i "rider" della cocaina

Arrestati due giovani italiani. I poliziotti li hanno bloccati dopo una consegna in Porta Venezia

Lei studentessa, almeno sulla carta. Lui nullafacente, con dei vecchi problemi con la giustizia alle spalle. Insieme, almeno secondo gli investigatori, fidanzati e pusher di cocaina "a domicilio". 

Gli agenti della VI sezione della Squadra Mobile di Milano hanno arrestato nella notte tra martedì e mercoledì due ragazzi - una giovane di ventisette anni e il suo compagno di ventinove, entrambi italiani - accusati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

Nella serata di martedì, dopo una serie di accertamenti, i poliziotti hanno iniziato a tenere d'occhio i due, che vivono in un appartamento di proprietà della 27enne in zona Ticinese. Gli agenti hanno visto i due uscire in motorino e raggiungere in centro città altri due ragazzi, a cui hanno dato qualcosa, presumibilmente una dose di cocaina. Poco dopo è arrivata la conferma, quando la coppia - sempre a bordo dello scooter, come una sorta di rider delivery - si è spostata in Porta Venezia per effettuare un'altra consegna. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In quel momento gli agenti sono riusciti a bloccare l'acquirente, verificando che aveva appena acquistato cocaina, e così hanno fermato anche i fidanzati. Nella loro abitazione i poliziotti hanno trovato venticinque grammi di "cocca", suddivisi in quattro pacchettini. E a quel punto per loro sono scattate le manette. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, si tuffa nel Naviglio asciutto per scappare dalla polizia e si rompe una gamba

  • Autostrada A4 bloccata tra Milano e Bergamo, controlli per il coronavirus: la coda è infernale

  • Coronavirus, il contagio non si ferma: Milano sfonda quota 3mila, in Lombardia +2.400 casi

  • "Contagi nascosti e lavoratori senza mascherine": denunciata la Fondazione Don Gnocchi. La replica: "Falsità"

  • "Ci avete salvato dal mare e Milano ci ha accolto": la comunità etiope dona cibo per l'emergenza

  • Con febbre e sintomatica, donna prende due aerei da Milano fino al Ragusano

Torna su
MilanoToday è in caricamento