Arrestato Rocco Zagari, pericoloso latitante della ‘ndrangheta

Dopo lunghi pedinamenti, i carabinieri di Milano hanno arrestato Rocco Zagari, esponente di spicco della ‘ndrangheta. L’accusa per l’uomo è associazione mafiosa finalizzata al traffico internazionale di eroina. Zagari è stato presto a Forlimpopoli

I carabinieri della compagnia Duomo hanno arrestato nel forlivese Rocco Zagari, un pericoloso latitante ed affiliato alla ‘ndrangheta, la potente mafia calabrese.

L’accusa per l’uomo è di associazione mafiosa finalizzata al traffico internazionale di cocaina, che veniva spacciata in tutte le discoteche di Milano e Provincia.

Il blitz che ha portato all’arresto di Zagari è stato compiuto sabato, dopo un’attenta e meticolosa opera di pedinamento. L’uomo è stato fermato all’interno di un residence vicino a Forlimpopoli, dove si trovava con la compagna e i due figli di quest’ultima.

Ulteriori aggiornamenti sull’arresto e sulle attività di Zagari saranno forniti dai carabinieri alle 12 in un conferenza stampa che si terrà alla Caserma Moscova.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, 15 volanti danno la caccia a un uomo: il folle inseguimento finisce in Buenos Aires

  • Incidente a Carpiano, scontro tra due auto piene di bambini: bimba di 7 mesi grave

  • Milano, ancora spari in via Creta: ragazzo di 32 anni gambizzato durante la notte, le indagini

  • Maltempo a Milano, violenta grandinata nel pomeriggio di venerdì: diversi allagamenti

  • Fanno esplodere la banca e scappano verso un campo rom: il bottino era di 60mila euro

Torna su
MilanoToday è in caricamento