Settimo, arrestato il "fattorino" della cocaina: preso mentre faceva le consegne a domicilio

In manette un uomo di ventinove anni, cittadino albanese. È stato fermato dai carabinieri

Al "lavoro" ci andava in auto. E proprio a bordo di quell'auto, una Volkswagen Golf, i militari lo hanno fermato. Un uomo di ventinove anni, un cittadino albanese irregolare in Italia e con precedenti, è stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Corsico con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

Gli uomini dell'Arma, guidati dal capitano Pasquale Puca, hanno notato il pusher mentre girava in macchina in via Galvani a Settimo Milanese e hanno deciso di controllarlo. In un pacchetto di sigarette in possesso del 29enne i militari hanno trovato cinque grammi di cocaina, già divisi in nove dosi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stando alla ricostruzione dei carabinieri, l'uomo stava andando in giro per la città per consegnare le dosi a domicilio ai clienti. Purtroppo per lui, però, sulla sua strada ha trovato i militari. Il pusher è stato trattenuto in caserma e sarà processato per direttissima mercoledì mattina. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il bollettino: 441 nuovi casi in Lombardia, ma terapie intensive sotto i 200

  • Coronavirus, bollettino: altri 285 casi. "Nessun decesso segnalato" in Lombardia in un giorno

  • Coronavirus, distanziamento al ristorante: in Lombardia regole diverse ed è polemica

  • Bollettino coronavirus Lombardia e Milano: solo 8 contagi a Milano, 620 positivi in meno in Lombardia

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • Bollettino Lombardia martedì 19 maggio: sempre più guariti, ma risalgono morti e contagi

Torna su
MilanoToday è in caricamento