Arrestato per rapina rifiuta di lasciare impronte e si scaglia contro vetro blindato

È accaduto mercoledì. Nei guai un 34enne marocchino. In fuga il suo complice

Immagine repertorio

Serata di follia a Milano, dove un 34enne dopo essere stato arrestato con l'accusa di rapina si è rifiutato di rilasciare le impronte digitali e si è poi scagliato contro il vetro blindato di una porta della questura. Dovrà rispondere di danneggiamento aggravato, rapina aggravata e resistenza.

Violenza dopo l'arresto

L'uomo, un cittadino marocchino, era stato tratto in arresto per aver obbligato un connazionale di 25 anni a consegnargli 15 euro, con l'aiuto di un complice. La vittima aveva segnalato l'episodio alla polizia descrivendo il 34enne. Nel corso della stessa giornata l'uomo è stato individuato dagli agenti in via Fabrizi, zona Quarto Oggiaro, e condotto in questura. Nessuna traccia invece del suo complice.

Una volta in manette, però, il 34enne ha opposto resistenza al rilevamento delle sue impronte digitali e si è scagliato contro un muro e contro al vetro blindato di una porta della questura, danneggiandoli.

Potrebbe interessarti

  • A Milano gli rubano la bici con cui sta viaggiando per il mondo, l'appello: "Aiutatemi"

  • Intolleranza al lattosio: come riconoscerla

  • Prova costume e pancia piatta: l’insormontabile sfida di ogni estate

  • Come avere i finanziamenti per riqualificare energeticamente la casa a Milano

I più letti della settimana

  • Parrucchiere dei vip aggredito e rapinato in Corso Como: polemica per il post sui social, Chef Rubio lo attacca

  • Milano, donna accoltellata in pieno centro: fendenti alla gola con una bottiglia, è grave

  • Appena arrivato a Malpensa inizia a tremare: muore 28enne 'mulo' del narcotraffico

  • È morta Nadia Toffa, addio alla conduttrice de "Le Iene" che lottava contro il cancro

  • Morto il fumettista milanese AkaB, Gabriele Di Benedetto: aveva solo 43 anni

  • Milano, dramma davanti al Tribunale: donna precipita e muore mentre pulisce i vetri. Foto

Torna su
MilanoToday è in caricamento